La Maserati GranTurismo MC Stradale sbarca in Cina

La Maserati Gran Turismo MC Stradale arriva in Cina e punta a fare del Paese asiatico il 1° consumatore mondiale di auto del Tridente.

La Maserati GranTurismo MC Stradale sbarca in Cina

Tutto su: Maserati GranTurismo

di Andrea Barbieri Carones

26 giugno 2011

La Maserati Gran Turismo MC Stradale arriva in Cina e punta a fare del Paese asiatico il 1° consumatore mondiale di auto del Tridente.

Il rumore caratteristico dei motori delle auto Maserati sarà udibile anche dai cinesi. In questi giorni, infatti, si celebrano le prime consegne della GranTurismo MC Stradale, il bolide da 450 CV che la Casa del Tridente ha presentato in anteprima nazionale in occasione dello scorso Motor Show di Bologna e che è stata portata in Asia ad aprile al Salone dell’auto di Shanghai.

E per la Cina sono state fatte le cose in grande, visto che è in questa parte del mondo che Maserati fa segnare forti incrementi di vendite, al punto che il 23% delle vetture della Casa sono consegnate a clienti con gli occhi a mandorla (o comunque residenti nella regione definita come Asia-Pacific) , percentuale che sale al 50% se ci si riferisce alla Quattroporte. I punti vendita che il costruttore ha aperto in questa porzione di mondo sono attualmente 51, fra cui 18 in Giappone, 13 in Cina e 8 in Australia. I rimanenti sono sparsi in altri Paesi fra cui l’India, dove il Tridente ha debuttato 2 mesi fa insieme al Gruppo Shreyans con l’obiettivo di essere presente in 7 grandi città entro il 2015.

La Cina, nel 2010, ha superato anche il Giappone in quanto a gradimento delle auto del brand emiliano, ripetendo e consolidando il successo anche nei primi 5 mesi di quest’anno dove si è registrato un più 100% nelle immatricolazioni: di questo passo, il Paese diventerà presto il primo consumatore mondiale di Maserati andando a superare gli Stati Uniti, che attualmente risultano ancora in testa in quanto a unità vendute.

Intanto le consegne ai concessionari sono avvenute con un evento con un pizzico di italianità avvenuto addirittura sul circuito di Formula 1 di Shanghai.