Usa: dal 2013 obbligatoria l'etichetta energetica

Dal 2013, negli Usa i veicoli nuovi dovranno contenere un'etichetta che indichi informazioni sui consumi e sul livello di emissioni di CO2.

Negli Stati Uniti è appena stata approvata una norma che prescrive che tutti i veicoli in vendita nel paese dal 2013 espongano un'etichetta che indichi in maniera chiara i consumi energetici ufficiali e le emissioni di CO2. Questo servirà ai consumatori per rendersi conto del modello che vanno a immatricolare e alle autorità per iniziare a studiare eventuali corsie riservate sulle autostrade ai mezzi meno inquinanti sulla sorta di quanto avviene oggi per le auto con più di 2 passeggeri a bordo. Queste etichette aiuteranno anche i consumatori in fase di acquisto.

Questa misura, decisa di concerto dal dipartimento ai Trasporti e dall'Epa, agenzia per la protezione dell'ambiente, prevede dunque che auto, bus e mezzi pesanti riportino una lunga serie di informazioni sul veicolo: il tipo di carburante con cui è alimentato, i consumi in autostrada o nei percorsi urbani, l' autonomia della batteria e quanto tempo occorra per ricaricarla.

Se l'obbligo scatterà dal primo gennaio 2013, le etichette potranno essere messe già nel corso del prossimo anno. Importante la visibilità che si è voluto dare all'ecosostenibilità, dato che l'etichetta conterrà una sorta di votazione da 1 a 10 in base al grado di inquinamento (dove 1 è alto e dove 10 è basso, relativo quindi ad auto elettriche).

Ma si pensa ancora più avanti e si stanno studiando le modalità di introduzione di standard vincolanti per tutti i veicoli commercializzati negli Stati Uniti, sia per quanto riguarda i consumi sia le emissioni.

Se vuoi aggiornamenti su USA: DAL 2013 OBBLIGATORIA L'ETICHETTA ENERGETICA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 30 maggio 2011

Vedi anche

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Una flotta di 20 Toyota Rav4 Hybrid e 5 Lexus (NX ed RX) consegnata a Roma alla presenza di Andrea Carlucci (Toyota Italia) e Giovanni Malagò.

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Il 45° presidente degli Stati Uniti "invita" Bmw a costruire vetture negli Usa anziché in Messico: pena un dazio di importazione pari al 35%.

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Oltre 100.000 fra Jeep Grand Cherokee e Dodge Ram avrebbero emissioni superiori al consentito. Marchionne: "Non ci spaventiamo, pronti a collaborare".