Fiat potrebbe arrivare al 54% di Chrysler entro luglio

Fiat potrebbe salire al 54% di Chrysler acquistando le rimanenti partecipazioni detenute dal governo di Usa e Canada.

Mirafiori: lo stabilimento Fiat

Altre foto »

Da ieri Chrsyler è più "leggera", essendo riuscita a togliersi dalle spalle il debito di 7,6 miliardi di dollari nei confronti dei governi di Usa e Canada (5,9 miliardi a Washington e 1,7 miliardi a Ottawa).

Fiat inoltre con un'iniezione di capitale di 1,26 miliardi di dollari è entrata in possesso di un nuovo 16%, arrivando ora a detenere un importante 46% delle quote, sempre più vicina all'obiettivo finale della maggioranza assoluta.

Ma nelle ultime ore emergono nuove indiscrezioni, riportate dall'autorevole Automotive News: Fiat potrebbe acquistare le rimanenti partecipazioni detenute dal governo di Usa (6,6%) e Canada (1,7%) entro la fine di luglio, arrivando così al 52% o al 54%. Nel secondo semestre 2011 verrebbe poi riscattata anche l'ultima tranche del 5% prevista dagli accordi del 2009.

Se le cose dovessero stare realmente così, il Lingotto alla fine di quest'anno si troverebbe abbondantemente sopra la soglia del controllo di Chrysler (51%), con l'intenzione di salire ulteriormente in futuro.

Se vuoi aggiornamenti su FIAT inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 25 maggio 2011

Altro su FIAT

Fiat Panda Natural Power, 80mila km percorsi con biogas fognario
Ecologiche

Fiat Panda Natural Power, 80mila km percorsi con biogas fognario

Una Fiat Panda Natural Power è pronta a effettuare un lungo test che prevede di coprire 80mila km alimentata con biometano prodotto da acque fognarie.

Fiat 500, la citycar celebra a Ginevra i suoi 60 anni
Ultimi arrivi

Fiat 500, la citycar celebra a Ginevra i suoi 60 anni

La Casa del Lingotto celebra i sessant’anni della fiat 500 con numerose iniziative e una serie speciale protagonista a Ginevra.

Marchionne: produzione Fiat Panda via da Pomigliano
Curiosità

Marchionne: produzione Fiat Panda via da Pomigliano

La Fiat Panda sarà assemblata in Polonia per destinare l’impianto di Pomigliano alla produzione di modelli più complessi.