Fiat sponsor della Nazionale italiana di calcio

Il marchio Fiat apparirà sulle magliette dei giocatori della nazionale italiana di calcio. Obiettivo: rimarcare l'italianità del gruppo.

Fiat 500 Twin-Air

Altre foto »

Il legame tra la Fiat e il calcio, consolidato da anni di vicinanza con la Juventus, potrebbe essere esteso a tutta l'Italia. La Casa automobilistica sarà infatti main sponsor della nazionale italiana con un duplice scopo.

Da un lato dare visibilità al brand, soprattutto in occasione dei prossimi impegni internazionali (europeo 2012 e mondiale 2014), dall'altra rimarcare l'italianità del gruppo Fiat, in un momento in cui l'azienda fondata da Giovanni Agnelli è sempre più legata all'americana Chrysler.

Da non dimenticare, poi, che la Coppa del mondo in Brasile sarà strategica per Fiat perché lì il Grupo italiano ha grandi interessi economici e dove si gioca con VW la leadership nelle vendite.

Come Fiat anche Chrysler ha investito molto nell'immagine, con un uno spot da record in occasione del Super Bowl, il massimo evento sportivo degli Stati Uniti che richiama sugli spalti decine di migliaia di spettatori e incolla davanti ai televisori oltre 100 milioni di tifosi.

Se vuoi aggiornamenti su FIAT inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 24 maggio 2011

Altro su FIAT

Fiat Panda Natural Power, 80mila km percorsi con biogas fognario
Ecologiche

Fiat Panda Natural Power, 80mila km percorsi con biogas fognario

Una Fiat Panda Natural Power è pronta a effettuare un lungo test che prevede di coprire 80mila km alimentata con biometano prodotto da acque fognarie.

Fiat 500, la citycar celebra a Ginevra i suoi 60 anni
Ultimi arrivi

Fiat 500, la citycar celebra a Ginevra i suoi 60 anni

La Casa del Lingotto celebra i sessant’anni della fiat 500 con numerose iniziative e una serie speciale protagonista a Ginevra.

Marchionne: produzione Fiat Panda via da Pomigliano
Curiosità

Marchionne: produzione Fiat Panda via da Pomigliano

La Fiat Panda sarà assemblata in Polonia per destinare l’impianto di Pomigliano alla produzione di modelli più complessi.