Carburanti: la benzina sfiora 1,60 euro al litro

Il prezzo della benzina fa segnare aumenti su tutto il territorio nazionale. Dopo Eni sale anche Tamoil.

Dopo un breve periodo di prezzi stabili o in leggera discesa, la benzina sfiora nuovamente il picco di 1,60 euro al litro. L'aumento si riscontra su tutto il territorio nazionale, con il valore massimo nella Provincia autonoma di Bolzano (la verde è a 1,632 euro al litro e il gasolio a 1,533) e una media più alta nelle regioni con l'addizionale cioè Abruzzo, Calabria, Campania, Liguria, Marche, Molise e Puglia (dove un litro di benzina raggiunge i 1,643 euro al litro).

La ragione va riscontrata nella sessione di ieri del mercato carburanti del Mediterraneo, la prima dopo due giorni di chiusura delle contrattazioni: i prezzi hanno subito un ribasso (-17 dollari a tonnellata per la benzina, quotata a 1.145, e -15 per il gasolio, a 1.054), ma contemporaneamente l'euro si è trovato a perdere qualche punto rispetto al dollaro e i compratori dell'Unione europea hanno pagato la benzina 585 euro ogni mille litri (-6) e il gasolio 603 (-6).

Eni è corsa subito ai ripari nella giornata di ieri rialzando i prezzi e oggi è toccato alla Tamoil: il costo nei suoi distributori è, nella media nazionale, di 1,599 euro al litro.

Se vuoi aggiornamenti su CARBURANTI: LA BENZINA SFIORA 1,60 EURO AL LITRO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Eleonora D'Uffizi | 04 maggio 2011

Vedi anche

Ford annuncia un investimento da 1,2 miliardi di dollari per gli Usa

Ford annuncia un investimento da 1,2 miliardi di dollari per gli Usa

Il programma rafforzerà gli impianti di produzione Suv e pick-up nel Michigan, dei relativi motori e lo sviluppo di nuove tecnologie per la mobilità.

Emissioni: la stampa francese accusa Renault

Emissioni: la stampa francese accusa Renault

Un dossier che conterrebbe valori di NOx alterati pubblicato da Libération. Renault puntualizza: "Mai violato alcuna normativa".

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

La trattativa per la cessione di Opel a PSA ha attirato l'attenzione della politica e dei governi coinvolti.