Roma: moto sulle corsie preferenziali, parte la sperimentazione

Da oggi via libera alle moto sulle corsie preferenziali in 4 vie di Roma. La misura è sperimentale e durerà 3 mesi.

Pronti, via: da oggi i veicoli a due ruote che circolano per Roma possono transitare su alcune corsie preferenziali riservate solitamente a bus e taxi.

Si tratta di una sperimentazione della durata di 3 mesi che interessa il Lungotevere Sangallo, viale Marconi, Via Cristoforo Colombo e Largo di Torre Argentina e che permetterà ai responsabili della viabilità del comune di verificare gli eventuali problemi, le criticità o gli aspetti positivi.

Tutto nasce a quasi 2 anni dalla proposta del vicesindaco Mauro Cutrufo, che evidentemente aveva raccolto i suggerimenti - o magari anche le proteste - di molti scooteristi che chiedevano di poter passare su tali corsie.

Nel frattempo sono stati sistemati dei cartelli che indicano l'apertura delle preferenziali alle moto. Dopo la fase sperimentale, si vedrà se prorogare la misura e se eventualmente estenderla ad altre strade e magari anche al Raccordo anulare attorno alla città, dando via libera alle due ruote sulla corsia di emergenza in caso di code.

Se vuoi aggiornamenti su ROMA: MOTO SULLE CORSIE PREFERENZIALI, PARTE LA SPERIMENTAZIONE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 03 maggio 2011

Vedi anche

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

In Lombardia è previsto uno sconto del 10% sul bollo auto per chi sceglie la domiciliazione bancaria.

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Emendamento PD alla Legge di Stabilità: dal 2018 i centri revisione controlleranno anche la situazione bollo. Niente collaudo per chi non pagherà.

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell'auto

L'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca avrà conseguenze anche sul mondo dell'auto, con particolare attenzione ad emissioni e delocalizzazione.