Autovelox: TomTom non venderà più i dati alla Polizia

Dopo la notizia dei dati venduti per favorire la collocazione degli autovelox olandesi, TomTom annuncia la cessazione di tale pratica.

TomTom novità 2010

Altre foto »

I navigatori satellitari sono utili agli automobilisti e, a quanto pare, anche alla polizia che ne acquista i dati per piazzare gli autovelox nei punti strategici. La pratica è stata resa nota nei giorni scorsi, quando gli utenti dei navigatori TomTom hanno appreso di essere analizzati nei loro spostamenti per disegnare una sorta di mappa degli autovelox utilizzata dalla polizia olandese.

La notizia ha fatto scalpore ed ha suscitato grandi polemiche da parte degli automobilisti che hanno subito gridato allo scandalo per la violazione della privacy. Reazione più che giustificatala visto che, come abbiamo scritto di recente, i dati venivano acquistati da una società che a sua volta li rivendeva alla polizia dei Paesi Bassi.

Adesso però, TomTom ha ritirato queste informazioni e i dati raccolti fungeranno solamente come database per divulgare in tempo reale notizie su traffico e ingorghi. Una magra consolazione per tutti i guidatori che hanno contribuito inconsapevolmente a creare una rete di autovelox ancor più insidiosa di quella attuale.

Se vuoi aggiornamenti su AUTOVELOX: TOMTOM NON VENDERÀ PIÙ I DATI ALLA POLIZIA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 02 maggio 2011

Vedi anche

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Una flotta di 20 Toyota Rav4 Hybrid e 5 Lexus (NX ed RX) consegnata a Roma alla presenza di Andrea Carlucci (Toyota Italia) e Giovanni Malagò.

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Il 45° presidente degli Stati Uniti "invita" Bmw a costruire vetture negli Usa anziché in Messico: pena un dazio di importazione pari al 35%.

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Oltre 100.000 fra Jeep Grand Cherokee e Dodge Ram avrebbero emissioni superiori al consentito. Marchionne: "Non ci spaventiamo, pronti a collaborare".