Marchionne: Daimler non ci interessa, solo voci

Fiat Industrial non è interessata ad un'alleanza con Daimler. Dopo le voci degli scorsi giorni arrivano le smentite ufficiali, intanto il titolo vola.

Fiat Industrial interessata ad un'alleanza strategica con Daimler? Tutto falso, secondo quanto spiegato dall'amministratore delegato di Fiat Sergio Marchionne a proposito delle voci circolate nelle scorse ore che davano per vicini i due gruppi.

La smentita di Marchionne è stata perentoria, con parole che non lascerebbero spazio a dubbi: "Smettiamola con i rumors. Non ci interessa, lo abbiamo detto", una frase che fa il paio con quella pronunciata ieri da un portavoce del gruppo tedesco, che aveva assicurato che non vi sono in corso dei colloqui tra Daimler e Fiat relativamente a Iveco, brand indicato da più parti come possibile candidato ad un'integrazione con Daimler Trucks, la divisione di Daimler che si occupa dei mezzi pesanti.

Intanto, le indiscrezioni oggi rivelatesi infondate, hanno avuto un effetto positivo in Borsa sulle azioni di Fiat Industrial, che dopo aver visto un rialzo nella giornata di ieri si conferma ancora sugli scudi, con un incremento dello 0,64% arrivando ad essere scambiate a 9,40 euro.

Se vuoi aggiornamenti su FIAT inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 18 marzo 2011

Altro su FIAT

Fiat Panda Natural Power, 80mila km percorsi con biogas fognario
Ecologiche

Fiat Panda Natural Power, 80mila km percorsi con biogas fognario

Una Fiat Panda Natural Power è pronta a effettuare un lungo test che prevede di coprire 80mila km alimentata con biometano prodotto da acque fognarie.

Fiat 500, la citycar celebra a Ginevra i suoi 60 anni
Ultimi arrivi

Fiat 500, la citycar celebra a Ginevra i suoi 60 anni

La Casa del Lingotto celebra i sessant’anni della fiat 500 con numerose iniziative e una serie speciale protagonista a Ginevra.

Marchionne: produzione Fiat Panda via da Pomigliano
Curiosità

Marchionne: produzione Fiat Panda via da Pomigliano

La Fiat Panda sarà assemblata in Polonia per destinare l’impianto di Pomigliano alla produzione di modelli più complessi.