Terremoto Giappone: GM dona 500.000 dollari

La Fondazione General Motors e gran parte dei dipendenti hanno provveduto a donazioni per i territori colpiti dal terremoto.

Il sisma in Giappone ferma la produzione di auto

Altre foto »

La General Motors Fondation ha approvato oggi un contributo immediato di 500.000 dollari alla Croce Rossa americana per sostenere la popolazione giapponese colpita dal sisma. L'azienda di Detroit ha anche fornito ogni postazione multimediale di lavoro dei propri dipendenti di link diretti sul web grazie ai quali fare donazioni indirizzate all'ente benefico.

«Il soccorso umanitario è una parte importante del lavoro della Fondazione e stiamo rispondendo alla richiesta di aiuto che ha seguito questa terribile devastazione», ha detto John T. Montford, presidente della Fondazione GM e consulente della società per i rapporti con il Governo statunitense e quelli esteri. «C'è un grande senso di solidarietà tra i dipendenti GM, e so che è questo spirito a fare la differenza per aiutare i soccorsi in Giappone».

Fin dalla sua creazione nel 1976, la Fondazione GM ha donato milioni di dollari in favore di territori colpiti da calamità naturali e ha contribuito a organizzare gli sforzi locali. Recenti sostegni in denaro e mezzi hanno aiutato i soccorsi dopo il terremoto a Christchurch in Nuova Zelanda, e ad Haiti.

Se vuoi aggiornamenti su TERREMOTO GIAPPONE: GM DONA 500.000 DOLLARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Eleonora D'Uffizi | 15 marzo 2011

Vedi anche

Gruppo FCA: per il ministro del Delrio i diesel sono in regola

Gruppo FCA: per il ministro del Delrio i diesel sono in regola

Il Ministro dei Trasporti Delrio, in un audizione alla Camera ha voluto mettere fine alla polemica tra la il Governo tedesco e FCA.

FCA: utile record di 1,8 miliardi nel 2016

FCA: utile record di 1,8 miliardi nel 2016

Tra i marchi Jeep ha avuto un aumento del 9%

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

L’eletto presidente repubblicano incontra i vertici Fca, Ford e General Motors: al primo posto la difesa del lavoro negli Stati Uniti.