Autovelox e Photored: occhio al ricorso

Di recente, la Suprema Corte s’è occupata di quei due apparecchi, bacchettando i Comuni. Ma non sempre la multa è annullabile

La legge 160 del 2007 è chiara: le postazioni di controllo sulla rete stradale per il rilevamento della velocità (cioè gli autovelox) devono essere preventivamente segnalate e ben visibili. In che modo? Ricorrendo all'impiego di cartelli o di dispositivi di segnalazione luminosi. Il problema è che i Comuni troppo spesso se ne dimenticano, con l'obiettivo di fare cassa.

Il "trucco" assai diffuso, e più volte denunciato dalle associazioni dei consumatori, è quello di piazzare un autovelox, non segnalarlo (oppure porre cartelli "oscuri" o mal posizionati, senza rispettare la legge), e al contempo imporre un limite di velocità bassissimo in relazione al tipo di strada. La "trappola" scatta molto spesso e l'automobilista riceve a casa multe salate, che spesso prevedono anche il taglio di punti della patente o la sospensione della stessa.

Non soltanto: la Circolare del ministero dell'Interno del 3 agosto 2007 prevede anche che gli autovelox siano segnalati almeno 400 metri prima del punto nel quale vengono collocati. Altra frequente dimenticanza dei Comuni.

Così la Cassazione s'è vista "costretta" a bacchettare gli Enti locali. Se gli autovelox non vengono adeguatamente segnalati, gli apparecchi possono essere sequestrati. Addirittura, i titolari della società di rilevamento rischiano l'incriminazione per truffa (sentenza 11131 della Suprema Corte). Obiettivo, mettere un freno all'utilizzo irresponsabile delle macchinette elettroniche.

Come muoversi per il ricorso

Già, ma chi riceve a casa una multa data con un autovelox non segnalato in modo corretto può fare ricorso? Sì, deve rivolgersi al Giudice di pace della città dov'è avvenuta l'infrazione (e non nella città dove risiede, se le due non coincidono), entro 60 giorni dalla notifica. Per intendersi, se un abitante di Palermo viene "pizzicato" dall'autovelox ad Aosta, dovrà rivolgersi al Giudice di pace di quest'ultima città.

Certo, vincere non è facile: servono le prove che i cartelli fossero assenti o mal posizionati. A tale fine, risultano particolarmente utili le fotografie della strada dov'è stata presa la multa. Preziose anche le testimonianze, anche di chi sedeva in macchina al momento dell'infrazione: meglio se si tratta di estranei rispetto al proprietario della vettura.

La "mossa" più intelligente da fare sarebbe quella di scattare una fotografia immediatamente dopo che l'autovelox ha immortalato il trasgressore. Ma si deve avere la fortuna di essersi accorti che c'era un apparecchio di rilevamento della velocità; si deve disporre di tempo per fermarsi e tornare sul "luogo del delitto"; e magari non tutti dispongono di una fotocamera da utilizzare subito.

"Pistole" a bordo esentate

È anche importante non confondersi. La legge prescrive l'obbligo di segnalazione degli autovelox fissi e mobili (questi ultimi possono essere spostati e collocati su altre strade dalle Forze dell'ordine). Invece, gli apparecchi a bordo delle macchine di Polizia e Carabinieri, se queste sono in movimento, non devono essere segnalati: si tratta dei "controlli dinamici" effettuati con le "pistole laser".

Vedi anche

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

In Lombardia è previsto uno sconto del 10% sul bollo auto per chi sceglie la domiciliazione bancaria.

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Emendamento PD alla Legge di Stabilità: dal 2018 i centri revisione controlleranno anche la situazione bollo. Niente collaudo per chi non pagherà.

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell'auto

L'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca avrà conseguenze anche sul mondo dell'auto, con particolare attenzione ad emissioni e delocalizzazione.