Smog: nuovi blocchi del traffico a Torino e Napoli

Da Torino a Roma e a Napoli, le città dicono stop alle auto per limitare lo smog. A Milano, intanto, Comune e Regione pensano a misure alternative.

Ancora elevati i livelli di PM10 e sostanze inquinanti nelle città italiane. Così l'unica soluzione tampone sembra essere - almeno per le amministrazioni - lo stop alle auto. Fra mille polemiche. Dopo Milano, che ha già esaurito il bonus Ue di giorni fuori norma, è ora la volta di Torino e Napoli, città che secondo la ricerca di Legambiente sono tra le più inquinate.

Blocco del traffico a Napoli

All'ombra del Vesuvio, sino a nuovi blocchi del traffico non si potrà circolare nelle giornate di oggi e di domani dalle 7:30 alle 17:30 sull'intero territorio comunale della città di Partenope, in base all'ordinanza comunale che si è basata sui dati sulle polveri sottili rilevati dall'Arpac, l'Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Campania.

Il problema è che la misura non è stata opportunamente pubblicizzata, con la conseguenza che le auto circoleranno comunque con persone che non lo sanno e altre che fanno finta di non saperlo. L'ordinanza prevede le stesse modalità di applicazione della vigente delibera 2285 del 30 dicembre 2010: esclusione dal divieto per gli autoveicoli euro 4 e alimentati a GPL o metano e per i mezzi a due ruote euro 2 ed euro 3. Sarà consentito il transito ai veicoli euro 2 ed euro 3 se con almeno tre persone a bordo compreso il conducente.

La cosa "curiosa" (tanto per usare un eufemismo) è che proprio in questi giorni sono stati fissati aumenti del 20% per il prezzo del biglietto dei trasporti pubblici dell'area metropolitana. Altra cosa "curiosa" è che le centraline hanno rilevato che il luogo più inquinato della città è il bosco di Capodimonte dove, in teoria, l'aria dovrebbe essere più pulita.

Torino: stop domenica 20 febbraio

Non potranno fare i furbi, invece, gli automobilisti di Torino e di alcuni comuni dell'hinterland (Beinasco, Borgaro, Collegno, Grugliasco, Moncalieri, Nichelino, Pinerolo, Rivoli, Settimo, Torino e Venaria) per i quali lo stop è previsto per domenica 20 febbraio dalle 10 alle 18. Il blocco alla circolazione era stato previsto per domenica 13. Ma per permettere una migliore organizzazione dei servizi di supporto, è stato deciso di prorogarlo di una settimana.

Se queste due città chiudono alle auto (o almeno ci provano), un'altra chiuderà sia ai mezzi pubblici sia ai veicoli inquinanti: a Roma, infatti, nella giornata di oggi autobus e metropolitana andranno a singhiozzo mentre nella cosiddetta "fascia verde" non potranno circolare auto a benzina "euro zero" e diesel "euro 1, 2 e 3".

A Milano si cercano altre soluzioni

Intanto, dopo le polemiche dei giorni passati sul blocco domenicale del traffico, a Milano e in Lombardia le istituzioni hanno creato un "tavolo" per pensare a soluzioni alternative per ridurre l'inquinamento: il pacchetto antismog potrebbe prevedere riduzione della velocità, incentivo regionale di 2 milioni ai comuni per potenziare i controlli su auto e impianti di riscaldamento e soldi ai cittadini per abbandonare l'auto a favore del mezzo pubblico. In questo caso, i cittadini "che rinunciano all'uso del mezzo privato, in cambio ottengono un bonus di 3.000 euro all'anno per utilizzare i mezzi pubblici".

Se vuoi aggiornamenti su SMOG: NUOVI BLOCCHI DEL TRAFFICO A TORINO E NAPOLI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 10 febbraio 2011

Vedi anche

Ford annuncia un investimento da 1,2 miliardi di dollari per gli Usa

Ford annuncia un investimento da 1,2 miliardi di dollari per gli Usa

Il programma rafforzerà gli impianti di produzione Suv e pick-up nel Michigan, dei relativi motori e lo sviluppo di nuove tecnologie per la mobilità.

Emissioni: la stampa francese accusa Renault

Emissioni: la stampa francese accusa Renault

Un dossier che conterrebbe valori di NOx alterati pubblicato da Libération. Renault puntualizza: "Mai violato alcuna normativa".

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

La trattativa per la cessione di Opel a PSA ha attirato l'attenzione della politica e dei governi coinvolti.