Toyota e Lexus: nuovo richiamo da 1,7 mln di auto

Toyota ha annunciato un nuovo richiamo da quasi 1,7 milioni di veicoli per possibili perdite di carburante (in Italia solo 52).

Lexus IS 250C

Altre foto »

Nuovo richiamo per i veicoli Toyota e Lexus: dopo i problemi all'acceleratore, risolti meno di un anno fa, è ora la volta di possibili perdite di carburante che potrebbero interessare 1,2 milioni di auto in Giappone e 421.000 in Paesi come Usa, Canada e Germania.

Intanto la Casa è corsa ai ripari attraverso questa misura, dopo essere stata contattata da decine di clienti (119 per la precisione) che avevano riscontrato lo stesso fenomeno. Il richiamo in oggetto riguarda 16 modelli prodotti tra il maggio del 2000 e l'ottobre del 2008. In Italia sono coinvolti solo 52 esemplari della berlina Lexus IS 250.

I tecnici Toyota - che si sono già messi al lavoro per individuare la causa precisa del problema - hanno riscontrato che i difetti riguardano principalmente un tubo e una pompa, che potrebbero provocare la perdita di carburante. 

L'azienda insiste tuttavia nel sottolineare che si tratta di provvedimenti attuati a titolo precauzionale, per offrire un servizio migliore ai clienti. Al momento, infatti, non si sono registrati incidenti correlati direttamente con il problema.

 

Se vuoi aggiornamenti su TOYOTA E LEXUS: NUOVO RICHIAMO DA 1,7 MLN DI AUTO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 26 gennaio 2011

Vedi anche

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

L’eletto presidente repubblicano incontra i vertici Fca, Ford e General Motors: al primo posto la difesa del lavoro negli Stati Uniti.

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Una flotta di 20 Toyota Rav4 Hybrid e 5 Lexus (NX ed RX) consegnata a Roma alla presenza di Andrea Carlucci (Toyota Italia) e Giovanni Malagò.

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Il 45° presidente degli Stati Uniti "invita" Bmw a costruire vetture negli Usa anziché in Messico: pena un dazio di importazione pari al 35%.