Fiat sale al 25% di Chrysler e punta al 51%

Fiat aumenta la partecipazione al gruppo americano, con la realizzazione del motore Fire. Sarà disponibile sulla Fiat 500. Il titolo cresce in borsa.

Fiat sale al 25% di Chrysler e punta al 51%

di Redazione

10 gennaio 2011

Fiat aumenta la partecipazione al gruppo americano, con la realizzazione del motore Fire. Sarà disponibile sulla Fiat 500. Il titolo cresce in borsa.

Fiat ha aumentato la propria presenza in Chrysler del 5% e ha portato la propria partecipazione azionaria al 25%: la comunicazione ufficiale è stata data dall’amministratore delegato Sergio Marchionne durante il Salone dell’Auto in corso a Detroit.

L’aumento della partecipazione di Fiat è scattato automaticamente perché è statoraggiunto il primo obiettivo contenuto nell’accordo operativo firmato il 10 giugno del 2009: le autorità americane hanno infatti certificato il motore FIRE (Fully Integrated Robotized Engine), il primo realizzato da Fiat a ottenere l’approvazione per una produzione americana. La prima applicazione del nuovo motore 1.4 Fire con tecnologia MultiAir sarà sulla Fiat 500, che verrà presto distribuita dalle concessionarie del Chrysler Group. Marchionne, comunicando la notizia ai giornalisti, si è sbilanciato: “La possibilità di salire entro quest’anno al 51% c’è e Fiat ha le risorse finanziarie per farlo anche adesso se necessario”.

Quella di Marchionne non è solo una speranza: Fiat potrebbe a breve arrivare al 35% del pacchetto azionario di Chrysler, quando verranno rispettati altri due punti dell’accordo operativo: il primo riguarda l’aumento delle vendite e dei ricavi al di fuori dell’area NAFTA (North American Free Trade Agreement) mentre il secondo si basa sulla produzione commerciale negli Stati Uniti di un’auto capace di percorrere almeno 40 miglia con un gallone, poco meno di 4 litri.[!BANNER]

Marchionne ha poi confermato la sua intenzione di non vendere nessun pezzodel Gruppo Fiat e ha annunciato che entro il 2012 Alfa Romeo potrebbe sbarcare negli Stati Uniti. La notizia dell’aumento di Fiat in Chrysler è stata accolta positivamente dalla Borsa. A Piazza Affari il titolo Fiat guadagna il 2,42%.