Multe, giro di vite in arrivo

Alcol, droga e neopatentati: il Governo affronta il problema della sicurezza stradale inasprendo le sanzioni del Codice della Strada

La nuova legge che rende le multe più salate non c'è ancora, ma il testo normativo è pronto, e il Governo ha tutte le intenzioni di renderlo effettivo in tempi rapidi: la proposta di modifica al Codice della strada è stata appena approvata dalla commissione Trasporti della Camera e potrebbe diventare un decreto d'urgenza. Una spinta ulteriore (se mai ce ne fosse stato bisogno) è arrivata da gravissimi incidenti dei giorni scorsi a Roma, dovuti all'alcol.

Pugno duro contro chi beve

Per chi ha causato un incidente con più di 1,5 grammi di alcol per litro di sangue (il limite è di mezzo grammo), ritiro immediato della patente, con sospensione provvisoria della patente fino a due anni. E ancora, ammenda da 3.000 a 12.000 euro. Senza dimenticare l'arresto da un anno a due anni. In alternativa, a richiesta di parte, può essere disposto l'affidamento in prova ai servizi sociali. Nei casi più gravi, non sarà possibile riavere la patente prima di cinque anni. Dopo la sentenza di condanna scatterà la confisca penale del veicolo, salvo appartenga a persona estranea al reato.

Giovani e autisti nel mirino

Per chi ha meno di 21 anni o ha la patente da meno di tre, e per gli autisti professionali, le pene per la guida con oltre 1,5 grammi di alcol sono ancora più dure: ammenda da 4.000 a 18.000 euro, arresto da un anno e quattro mesi a tre anni (a richiesta di parte, servizi sociali) e impossibilità di conseguire una nuova patente prima di cinque anni.

Stop droga

Massima severità anche per chi guida sotto l'effetto di droghe: sospensione della patente fino a due anni, ammenda da 1.500 a 6.000 euro, arresto da sei mesi a un anno (a richiesta, servizi sociali). Dopo la sentenza di condanna, confisca penale del veicolo, salvo che appartenga a persona estranea al reato. Le sanzioni vanno da 2.000 a 9.000 euro per i giovanissimi, i neopatentati e gli autisti: in più, arresto da otto mesi a un anno e mezzo.

E, in caso di incidente a causa della droga, per i guidatori esperti e non professionali, sospensione provvisoria fino a due anni, ammenda da 3.000 a 12.000 euro, confisca penale del veicolo, salvo che appartenga ad altri. L'ammenda va da 4.000 a 18.000 euro per neopatentati e autisti.

Se il guidatore, ubriaco (oltre 1,5 grammi di alcol) o sotto l'effetto di droga, causa lesioni, c'è il ritiro immediato della patente con sospensione provvisoria fino a cinque anni, oltre alla reclusione da sei mesi quattro anni. Dopo la sentenza di condanna, confisca penale del veicolo, se del conducente.

Infine, se ci sono morti, ritiro immediato della patente con sospensione provvisoria della patente fino a cinque anni, reclusione da tre a 10 anni (pena aumentata fino a 15 anni nel caso di morte di più persone). Dopo la sentenza di condanna, confisca penale del veicolo, salvo appartenga a persona estranea al reato.

Vedi anche

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Il 45° presidente degli Stati Uniti "invita" Bmw a costruire vetture negli Usa anziché in Messico: pena un dazio di importazione pari al 35%.

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Oltre 100.000 fra Jeep Grand Cherokee e Dodge Ram avrebbero emissioni superiori al consentito. Marchionne: "Non ci spaventiamo, pronti a collaborare".

Pedaggi autostradali: i nuovi aumenti 2017

Pedaggi autostradali: i nuovi aumenti 2017

Con l’inizio del nuovo anno arrivano i nuovi aumenti nel 2017 dei pedaggi autostradali caratterizzati da una media dello 0,6%.