Blocco autostrada per neve: partono i rimborsi

La Consulta dei consumatori ha deciso che gli automobilisti che venerdì sono rimasti bloccati in autostrdada per neve hanno diritto a un rimborso.

Gli automobilisti che durante lo scorso fine settimana sono rimasti bloccati in autostrada a causa della neve saranno risarciti. Lo ha deciso la Consulta dei consumatori in una riunione straordinaria convocata da Autostrade per l'Italia.

A render nota questa notizia, che consolerà almeno in parte le centinaia di utenti colpiti dai disagi (che in alcuni casi hanno passato l'intera notte in auto), è stato il presidente Codacons, Carlo Rienzi, il quale ha aggiunto che la quantificazione dell'indennizzo sarà calcolata in base al tempo trascorso in autostrada. Verranno quindi presi in considerazione l'orario di entrata e l'orario di uscita.

Gli automobilisti, pertanto, potranno chiedere i rimborsi inviando per posta alla società Autostrade per l'Italia il tagliando ritirato ai caselli.

Intanto la Società Autostrade ha ribadito la proposta di attuare un "blocco preventivo" dei mezzi pesanti in caso di emergenze meteorologiche, come le nevicate. Secondo alcuni, questa misura vuole sottolineare la responsabilità dei camionisti nel caos che ha colpito soprattutto la Toscana venerdì scorso.

Se vuoi aggiornamenti su BLOCCO AUTOSTRADA PER NEVE: PARTONO I RIMBORSI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 20 dicembre 2010

Vedi anche

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

La trattativa per la cessione di Opel a PSA ha attirato l'attenzione della politica e dei governi coinvolti.

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Dall’Europa all’Asia, all’America: il TomTom Traffic Index passa al setaccio il grado di congestionamento urbano. E si scopre che Palermo…

Auto e moto: cos

Auto e moto: cos'è il "foglio unico" di circolazione?

Addio carta di circolazione e certificato di proprietà: i dati potrebbero essere accorpati in un unico documento.