Lotus: dal 2012 svilupperà i motori in proprio?

La casa ango-malese punta a un notevole investimento per produrre da sè i motori che equipaggeranno le auto del futuro.

Lotus Esprit 2012

Altre foto »

Entro la fine di gennaio 2011 si avrà la conferma se i piani di rilancio del marchio Lotus prevedono la produzione in proprio dei motori che dovrebbero essere impiegati sulle sportive della Casa britannica. In ogni caso, è possibile - ma c'è chi dice probabile - che già dal 2012 potrebbero essere progettati e assemblati i motori V8 per la Lotus Espirit e i V6 per la futura Elan.

La produzione dei propulsori, in realtà, non sarebbe una novità per il costruttore visto che in passato lo ha fatto per altri. Certo, andare in questa direzione comporterà un investimento notevole, come sa l'amministratore delegato Dany Bahar, colui che 12 mesi fa portò di nuovo Lotus in Formula 1, dopo 15 anni di assenza.

Ma i costi per produrre i motori potrebbero ben presto essere ammortizzati e permettere alla Casa anglo-malese di aumentare i profitti.

In un primo tempo, tutte le auto del gruppo Proton condividerebbero le tecnologie, i materiali e le piattaforme, in modo da non gravare troppo sul bilancio aziendale.

Se vuoi aggiornamenti su LOTUS: DAL 2012 SVILUPPERÀ I MOTORI IN PROPRIO? inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 16 dicembre 2010

Vedi anche

Rc Auto, verifiche da remoto con il tutor: operazione possibile

Rc Auto, verifiche da remoto con il tutor: operazione possibile

Ai 70 anni di Polstrada, il comandante Giuseppe Bisogno annuncia che i controlli sono tecnicamente fattibili; ora occorre aggiornare il CdS.

Lancia: il marchio sarà venduto ai cinesi di GAC?

Lancia: il marchio sarà venduto ai cinesi di GAC?

Indiscrezioni provenienti dai media brasiliani parlano di una possibile cessione di Lancia ai cinesi del colosso GAC.

Salone di Francoforte 2017: non ci saranno Fca, Psa e Nissan

Salone di Francoforte 2017: non ci saranno Fca, Psa e Nissan

Una indiscrezione Web indica che l’IAA 2017 farà a meno di Fca (ma non Ferrari e Maserati), DS e Peugeot, Nissan e Infiniti, Mitsubishi e Volvo.