Lotus: dal 2012 svilupperà i motori in proprio?

La casa ango-malese punta a un notevole investimento per produrre da sè i motori che equipaggeranno le auto del futuro.

Lotus Esprit 2012

Altre foto »

Entro la fine di gennaio 2011 si avrà la conferma se i piani di rilancio del marchio Lotus prevedono la produzione in proprio dei motori che dovrebbero essere impiegati sulle sportive della Casa britannica. In ogni caso, è possibile - ma c'è chi dice probabile - che già dal 2012 potrebbero essere progettati e assemblati i motori V8 per la Lotus Espirit e i V6 per la futura Elan.

La produzione dei propulsori, in realtà, non sarebbe una novità per il costruttore visto che in passato lo ha fatto per altri. Certo, andare in questa direzione comporterà un investimento notevole, come sa l'amministratore delegato Dany Bahar, colui che 12 mesi fa portò di nuovo Lotus in Formula 1, dopo 15 anni di assenza.

Ma i costi per produrre i motori potrebbero ben presto essere ammortizzati e permettere alla Casa anglo-malese di aumentare i profitti.

In un primo tempo, tutte le auto del gruppo Proton condividerebbero le tecnologie, i materiali e le piattaforme, in modo da non gravare troppo sul bilancio aziendale.

Se vuoi aggiornamenti su LOTUS: DAL 2012 SVILUPPERÀ I MOTORI IN PROPRIO? inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 16 dicembre 2010

Vedi anche

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Una flotta di 20 Toyota Rav4 Hybrid e 5 Lexus (NX ed RX) consegnata a Roma alla presenza di Andrea Carlucci (Toyota Italia) e Giovanni Malagò.

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Il 45° presidente degli Stati Uniti "invita" Bmw a costruire vetture negli Usa anziché in Messico: pena un dazio di importazione pari al 35%.

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Oltre 100.000 fra Jeep Grand Cherokee e Dodge Ram avrebbero emissioni superiori al consentito. Marchionne: "Non ci spaventiamo, pronti a collaborare".