Fiat: un altro passo verso la scissione

Si avvia verso la definizione la scissione di Fiat Group: dal 3 gennaio Fiat e Fiat Industrial saranno quotate separatamnte a Piazza Affari.

Fiat: un altro passo verso la scissione

Tutto su: FIAT

di Giuseppe Cutrone

16 dicembre 2010

Si avvia verso la definizione la scissione di Fiat Group: dal 3 gennaio Fiat e Fiat Industrial saranno quotate separatamnte a Piazza Affari.

Prosegue il percorso di scissione del Gruppo Fiat in due società completamente slegate l’una dall’altra con consigli di amministrazione autonomi e quotazioni in borsa separate.

Proprio relativamente alla quotazione a Piazza Affari, un comunicato congiunto di Fiat S.p.A. e Fiat Industrial ha precisato oggi che il 13 dicembre la Borsa Italia ha emesso il provvedimento di ammissione a quotazione delle quote azionarie di Fiat Industrial sul mercato dal prossimo 3 gennaio, dando di fatto il via definitivo alla scissione.[!BANNER]

Contestualmente, sono stati comunicati i nomi che andranno a comporre il CdA di Fiat Industrial S.p.A., presieduto da Sergio Marchionne: ci saranno Alberto Bombassei (attuale presidente e amministratore delegato di Brembo) Gianni Coda, John Elkann, Robert Liberatore, Libero Milone, l’ex ministro dell’Economia Tommaso Padoa-Schioppa, Giovanni Perissinotto e John Zhao.

Dal 1 gennaio sarà quindi sancita ufficialmente la scissione, con il capitale sociale di Fiat S.p.A che per quella data sarà di 4.464.084.082,50 euro, suddiviso in 1.092.247.485 di azioni ordinarie, 103.292.310 di azioni privilegiate e 79.912.800 azioni di risparmio, tutte da nominali da 3,50 euro ciascuna.