Fiat: 1,3 miliardi per un nuovo impianto in Brasile

Fiat punta sul Brasile e investe in uno stabilimento nel nordest del Paese, dove saranno prodotte 200.000 auto l'anno.

Fiat Uno

Altre foto »

Fiat rafforza la sua attività in Brasile, Paese dove già è molto forte grazie anche a una presenza quarantennale e dove le vendite riescono a portare quel fatturato che invece arranca in Europa e in Italia.

Dopo l'annuncio di ottobre che parlava di un investimento di 3 miliardi di euro da qui al 2015, ora è la volta degli impianti di produzione: "Nello Stato di Pernambuco - ha dichiarato lo stesso Sergio Marchionne - realizzeremo uno stabilimento che porterà a un aumento delle vendite, che entro il 2014 dovrebbero arrivare a 1 milione di unità l'anno".

Per questo nuovo polo industriale situato nel nordest del Paese, Fiat investirà 1,3 miliardi di euro con l'obiettivo di produrre circa 200.000 auto l'anno da destinare al mercato dell'America Latina e di creare un centro ricerche che progetti e sviluppi nuovi prodotti e nuove piattaforme.

Quando lo stabilimento sarà a regime, vi lavoreranno circa 3.500 persone molte delle quali dovranno essere istruite in loco in un centro di formazione da costruire ad hoc.

Se vuoi aggiornamenti su FIAT inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 15 dicembre 2010

Altro su FIAT

Fiat Panda Natural Power, 80mila km percorsi con biogas fognario
Ecologiche

Fiat Panda Natural Power, 80mila km percorsi con biogas fognario

Una Fiat Panda Natural Power è pronta a effettuare un lungo test che prevede di coprire 80mila km alimentata con biometano prodotto da acque fognarie.

Fiat 500, la citycar celebra a Ginevra i suoi 60 anni
Ultimi arrivi

Fiat 500, la citycar celebra a Ginevra i suoi 60 anni

La Casa del Lingotto celebra i sessant’anni della fiat 500 con numerose iniziative e una serie speciale protagonista a Ginevra.

Marchionne: produzione Fiat Panda via da Pomigliano
Curiosità

Marchionne: produzione Fiat Panda via da Pomigliano

La Fiat Panda sarà assemblata in Polonia per destinare l’impianto di Pomigliano alla produzione di modelli più complessi.