Marchionne accoglie Obama e conferma il SUV Maserati

Marchionne accompagna Obama in visita allo stabilimento e annuncia la produzione di un SUV Maserati. In Italia incontro con i sindacati per Mirafiori

Marchionne accoglie Obama e conferma il SUV Maserati

di Andrea Barbieri Carones

23 novembre 2010

Marchionne accompagna Obama in visita allo stabilimento e annuncia la produzione di un SUV Maserati. In Italia incontro con i sindacati per Mirafiori

In occasione del salone dell’auto di Los Angeles, l’amministratore delegato Fiat-Chrysler, Sergio Marchionne, ha incontrato stampa e istituzioni Usa per parlare del futuro dell’azienda.

Il SUV del Tridente si farà

Dopo aver confermato, nei giorni scorsi, la futura produzione di un Suv Maserati sulla base della Jeep Grand Cherokee, il manager italo-canadese ha aggiunto che tale nuovo veicolo verrà assemblato dello stabilimento di Jefferson North, vicino a Detroit, per essere poi commercializzato in tutto il mondo con il prestigioso  marchio del Tridente.

Obama in visita allo stabilimento in Indiana

Appena terminata la dichiarazione, Marchionne è salito su un aereo e circa 3 ore dopo è atterrato nello Stato dell’Indiana, dove era in programma un incontro con il presidente Barack Obama e con il suo vice Joe Biden. Prevista anche una visita allo stabilimento Transmission Plant II di Chrysler, nell’ambito di un tour presidenziale che prevede di toccare i principali impianti di auto negli Stati Uniti nel giro di alcuni mesi. Questo stabilimento, in particolare, ha portato una boccata di ossigeno nella crisi occupazionale locale, dato che sono appena stati assunti 400 dipendenti.

L’inquilino della Casa Bianca aveva in passato elogiato Marchionne, apprezzandone soprattutto il lavoro per la rinascita del brand a stelle e strisce. I complimenti furono reciproci, visto che il numero uno del Lingotto aveva elogiato Obama dichiarando: “Il coraggio del presidente ci ha salvato”, in riferimento al piano del governo per salvare l’industria automobilistica americana. [!BANNER]

Mirafiori: previsto incontro con i sindacati

Dall’altra parte dell’oceano Atlantico, nel frattempo, è iniziato il conto alla rovescia in vista del primo incontro tra Fiat e organizzazioni sindacali previsto entro la fine di questo mese. Al centro dei colloqui ci sarà il futuro dello stabilimento torinese di Mirafiori che, dopo l’annuncio di spostamento di parte della produzione in Serbia, si appresta a vivere tensioni e diversi giorni di cassa integrazione.

No votes yet.
Please wait...