Ferrari: via Mubadala, di nuovo italiana al 100%

Il gruppo Fiat riacquista il 5% delle azioni Ferrari dal fondo di Abu Dhabi "Mubadala"

Ferrari World Adu Dhabi

Altre foto »

Il 2010 di Ferrari passa indissolubilmente da Abu Dhabi: dopo l'inaugurazione del parco tematico Ferrari World e l'esito negativo del Gran Premio di Formula 1, è arrivata la notizia della vendita della quota del 5% che il fondo Mubadala development deteneva all'interno della Casa di Maranello. Nonostante questa transazione, Mubadala spera di continuare a collaborare con il vertice del cavallino rampante di cui è sponsor nel circuito mondiale delle monoposto, permettendo di far conoscere meglio i prodotti Ferrari negli Emirati Arabi.

Il Gruppo Fiat, che detiene il controllo dell'azienda fondata da Enzo Ferrari, ha infatti esercitato un'opzione d'acquisto delle azioni in mano del fondo arabo fin dal 2005. Il Lingotto è dunque ritornato in possesso della quota in base a un'opzione che scadeva la scorsa estate ma che è stata prorogata fino a novembre con il consenso delle parti.

Il valore delle quote passate di mano dovrebbe essere di 122 milioni di Euro. Ma le variazioni nel capitale del costruttore non dovrebbero finire qui: secondo notizie trapelate tra gli addetti ai lavori, Fiat potrebbe ridurre al 51% le sue quote all'interno di Ferrari, riuscendo comunque a controllare l'azienda.

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 16 novembre 2010

Altro su Ferrari

Ferrari 812 Superfast: la più potente di sempre
Anteprime

Ferrari 812 Superfast: la più potente di sempre

La nuova 12 cilindri della Casa di Maranello sfoggia un design aggressivo e a tratti retrò abbinato ad un potentissimo 12 cilindri aspirato da 800 CV.

Ferrari: una F12 tdf per Horacio Pagani
Curiosità

Ferrari: una F12 tdf per Horacio Pagani

Una Ferrari personalizzata per la collezione privata del costruttore italoargentino.

Ferrari: inediti modelli nel suo futuro
Anteprime

Ferrari: inediti modelli nel suo futuro

Secondo Marchionne ci sarebbe "un enorme terreno inesplorato". Un'affermazione che apre nuovi scenari per la gamma del prossimo futuro.