Emissioni CO2: vince Fiat, ma Toyota la più virtuosa

La Casa italiana si impone nella classifica dei marchi con minori emissioni medie stilata, ma Toyota compie la riduzione più consistente

Fiat bissa il successo dell'anno scorso e rimane al vertice della speciale graduatoria redatta da Transport & Enviroment, la rete europea di associazioni che si occupa di trasporto sostenibile, che rileva le emissioni medie delle auto vendute in Europa da 14 marchi. Una vittoria ottenuta con un valore di 131 grammi/km per vettura consegnata nel 2009 che rappresenta una riduzione del 5,3% rispetto ai 138 g/km registrati dall'associazione europea per il 2008. Alle spalle di Fiat, il cui risultato è favorito dalla prevalenza delle "piccole" in gamma, si è insidiata Toyota (132 g/km) che ha scavalcato il Gruppo Peugeot-Citroën (136 g/km), leader della classifica fino al 2007. A chiudere la graduatoria rimane, nonostante le riduzioni superiori al 4%, il terzetto composto dal Gruppo Volkswagen, Nissan e Daimler.

Per Toyota e Suzuki cali record

Se Fiat domina la classifica assoluta, premi al merito vanno a Toyota e Suzuki che in soli 12 mesi sono riuscite a ridurre l'impatto ambientale delle proprie vendite rispettivamente del 10 e del 9,1%. Meno virtuoso il risultato ottenuto da Renault e BMW (-1,8%), anche se il marcio bavarese è "assolto" per avere registrato nel 2008 una flessione di oltre 10 punti percentuali. Positiva l'analisi complessiva che vede tutte le Case automobilistiche migliorare la propria sostenibilità grazie, sostiene la ricerca, all'evoluzione tecnologica introdotta sui nuovi modelli e, in misura minore, agli incentivi presenti in diversi Paesi che hanno favorito la vendita di city car e utilitarie con consumi contenuti. Un risultato che ha permesso di contrarre del 5,1% le emissioni di CO2 dei modelli venduti in Europa portando la media continentale da 153,5 a 145,7 g/km per auto venduta.

Ancora molto da fare fino al 2015

Nonostante il calo generalizzato, però, nessun marchio è ancora riuscito a rientrare nei valori imposti dall'Unione europea per il 2015 che, in base a una complicata formula, prevede traguardi diversi per ogni marchio. La più prossima a raggiungere l'obiettivo previsto è Toyota (-5 g/km entro il 2015), davanti a Peugeot-Citroën (-8 g/km), Fiat (-10 g/km), Renault (-11 g/km) e BMW (-13 g/km). Lontane dalla linea di arrivo rimangono Daimler (-32 g/km), Mazda (-24 g/km) e Nissan (-23 g/km).

 

Classifica costruttori

(vendita-media emissioni CO2)

Vendite 2009

Emissioni CO2 (g/km)

2009

2008

 

2009

2008

Var %

1. Fiat

1

1,212,365

131

138

-5,3%

2. Toyota

4

728,805

132

147

-10,0%

3. PSA

2

1,816,766

136

139

-2,7%

4. Renault

3

1,306,604

140

143

-1.8%

5. Hyundai

5

563,418

141

149

-5,4%

6. Suzuki

10

242,995

142

156

-9,1%

7. Ford

6

1,437,768

144

152

-5,1%

8. Honda

8

231,789

147

154

-4,1%

9. General Motors

7

1,253,692

148

153

-3,2%

10. Mazda

11

199,299

149

158

-5,4%

11. BMW

9

681,056

151

154

-1,8%

12. VW Group

12

2,973,183

153

159

-4,1%

13. Nissan

13

359,037

154

161

-4,4%

14. Daimler

14

666,503

167

175

-4,8%

Se vuoi aggiornamenti su EMISSIONI CO2: VINCE FIAT, MA TOYOTA LA PIÙ VIRTUOSA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Stefano Panzeri | 05 novembre 2010

Vedi anche

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

In Lombardia è previsto uno sconto del 10% sul bollo auto per chi sceglie la domiciliazione bancaria.

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Emendamento PD alla Legge di Stabilità: dal 2018 i centri revisione controlleranno anche la situazione bollo. Niente collaudo per chi non pagherà.

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell'auto

L'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca avrà conseguenze anche sul mondo dell'auto, con particolare attenzione ad emissioni e delocalizzazione.

Back to top