Audi A3 TDI: 1000 miglia con nuovo bioDiesel

1600 km completati da due esemplari della A3 Sportback alimentati dal RenDiesel, nuovo gasolio di sintesi naturale

Audi A3 TDI: 1000 miglia con nuovo bioDiesel

di Francesco Giorgi

27 ottobre 2010

1600 km completati da due esemplari della A3 Sportback alimentati dal RenDiesel, nuovo gasolio di sintesi naturale

Potremmo chiamarla la Mille miglia dell’ecologia. E’ questa infatti la distanza percorsa in questi giorni da due esemplari di Audi A3 TDI, alimentati da un inedito gasolio sintetico a base naturale, che promette maggiore “pulizia” ed efficienza rispetto sia al diesel tradizionale che al bioetanolo.

La prova, chiamata “Eureka! Diesel drives the future”, si è svolta in California con l’obiettivo di dimostrare che l’attuale tecnologia raggiunta dal gasolio e dai carburanti prodotti dalla sintesi può offrire dei risultati significativi per quanto riguarda mobilità ecologica.

Vetture di serie al 100%

Nessuna modifica. Meccanica di serie, e nemmeno l’ombra di un accorgimento aerodinamico. I due modelli che hanno preso parte al tour, due Audi A3 TDI, sono partite da Eureka, nella California settentrionale, e hanno percorso un itinerario di 1000 miglia (1609 km) alla volta di San Diego.

Premiata lo scorso anno con il titolo di “Green Car of the Year 2010”, l’Audi A3 TDI vanta emissioni di gas serra inferiori del 30% rispetto a una vettura a benzina nella fascia 1,6 – 2 litri, mentre il risparmio in termini di consumo è del 50%.

Secondo i tecnici Audi e RenTech che hanno partecipato all’esperimento, i risultati sono stati incoraggianti. Innanzitutto, è stato osservato che i valori delle emissioni sono gli stessi anche al termine di un lungo viaggio. In secondo luogo, il consumo si è mantenuto su valori medi decisamente bassi: circa 5,6 litri per 100 km. In linea, cioè, con quanto indicato dal costruttore.[!BANNER]

RenDiesel: un carburante eco friendly

Il gasolio utilizzato per il tour, prodotto dalla RenTech, azienda del Colorado, è un derivato del gas naturale, ma può essere anche prodotto dalla sintesi gassosa derivante dalle biomasse. Fra gli obiettivi decisi dalla RenTech per questo “gasolio naturale”, una volta che sarà messo in commercio, c’è la riduzione dei gas effetto serra del 97% e un abbattimento degli idrocarburi volatili rispetto al gasolio “tradizionale”, tanto da farne un carburante dalle emissioni simili (o di poco superiori) a quelle generate dai veicoli elettrici.

Quanto all’efficienza, secondo i tecnici dell’azienda americana una vettura alimentata con il RenDiesel arriva ad essere due volte più efficiente (quasi del 60%) rispetto a un’auto alimentata a bio etanolo, e dal 20 al 40% rispetto a una vettura a benzina.