Consiglio di Stato: no agli aumenti dei pedaggi

Il Consiglio di Stato ha confermato la sentenza del Tar di fine luglio che bloccava gli aumenti dei pedaggi su 26 raccordi autostradali dell'Anas

Il Consiglio di Stato ha confermato oggi lo stop agli aumenti autostradali, scattati il 1° luglio scorso e bloccati dal Tar del Lazio alla fine dello stesso mese. Ad adire l'organo amministrativo e giurisdizionale era stata la presidenza del Consiglio dei ministri e l'Anas, che chiedevano di ribaltare la sentenza del Tribunale amministrativo regionale sugli aumenti su 26 raccordi autostradali e stradali gestiti dall'Anas.

A questo punto resta da valutare il nodo delle maggiori somme pagate ai caselli nel mese di luglio. "Dovrebbero essere restituite agli automobilisti, altrimenti si configurerebbero reati a danno degli utenti" ha detto Carlo Rienze, presidente Codacons.

Per i Tar l'aumento non poteva assumere la veste di misura fiscale ma di corrispettivo per l'utilizzo di una infrastruttura.

Nella manovra del governo era previsto anche l'aumento di un millesimo di euro a chilometro, dal 1° luglio, per le classi di pedaggio A e B e di 3 millesimi di euro per le classi 3, 4 e 5. Tali aumenti comportavano in media costi aggiuntivi del 5% con punte del 15-20%. Dal 1° gennaio 2011, sempre in favore di Anas, era previsto l'aumento di 2 millesimi a chilometro per le classi di pedaggio A e B e di 3 millesimi a chilometro per le classi di pedaggio 3, 4 e 5.

Se vuoi aggiornamenti su CONSIGLIO DI STATO: NO AGLI AUMENTI DEI PEDAGGI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 01 settembre 2010

Vedi anche

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

L’eletto presidente repubblicano incontra i vertici Fca, Ford e General Motors: al primo posto la difesa del lavoro negli Stati Uniti.

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Una flotta di 20 Toyota Rav4 Hybrid e 5 Lexus (NX ed RX) consegnata a Roma alla presenza di Andrea Carlucci (Toyota Italia) e Giovanni Malagò.

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Il 45° presidente degli Stati Uniti "invita" Bmw a costruire vetture negli Usa anziché in Messico: pena un dazio di importazione pari al 35%.