Nuovo Cds: bastone e carota per i giovani

Il nuovo Codice della Strada, approvato dal Senato, penalizza le violazioni dei giovani ma premia i comportamenti virtuosi dei neopatentati

Il nuovo codice della strada recentemente approvato dal Parlamento dà qualche stimolo in più ai neopatentati, con l'obiettivo di responsabilizzarli e di premiarli.

Se da un lato, infatti, è molto rigoroso sul bere alcol prima di mettersi al volante - vietando anche un solo "goccio" a chi ha la patente da meno di 3 anni - dall'altro premia i giovani che non hanno incidenti o che non fanno gravi violazioni del codice dando loro dei "bonus punti" più alti rispetto ai guidatori più esperti, regalando loro un punto patente ogni anno contro il punto ogni 2 anni per gli altri. Ma non è tutto: dopo 2 anni, il neopatentato riceve ulteriori 2 punti di bonus come premio per la propria guida senza infrazioni gravi.

Il legislatore ha voluto quindi responsabilizzare i giovani da un lato vietando loro di bere e raddoppiando i punti patente persi in caso di grave infrazione, dall'altro premiandoli più degli altri in caso di guida sicura.

Le limitazioni ai neotitolari di patente B non si fermano qui: nel il primo anno dal rilascio, non sarà consentita la guida di veicoli aventi una potenza specifica superiore a 55 kW/t, e con un limite di potenza massima pari a 70 kW.

Se vuoi aggiornamenti su NUOVO CDS: BASTONE E CAROTA PER I GIOVANI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 29 luglio 2010

Vedi anche

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

L’eletto presidente repubblicano incontra i vertici Fca, Ford e General Motors: al primo posto la difesa del lavoro negli Stati Uniti.

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Una flotta di 20 Toyota Rav4 Hybrid e 5 Lexus (NX ed RX) consegnata a Roma alla presenza di Andrea Carlucci (Toyota Italia) e Giovanni Malagò.

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Il 45° presidente degli Stati Uniti "invita" Bmw a costruire vetture negli Usa anziché in Messico: pena un dazio di importazione pari al 35%.