RC Auto, l'Isvap: "Ridurre i prezzi"

L'Authority chiama a rapporto i big delle assicurazioni per mettere un freno all'aumento dei prezzi. Il settore deve tornare alla normalità

L'Isvap in campo per far scendere i prezzi delle RC Auto. L'Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo ha chiamato a raccolta le maggiori compagnie di assicurazioni italiane con l'intento di stoppare i rincari costanti sui prezzi. Obiettivo è aprire un tavolo per definire misure chiare e precise da implementare il prima possibile. Le compagnie dovranno quindi fornire all'Isvap una risposta entro metà settembre. 

Molti i punti da affrontare: dalla questione del danno alla persona ad esempio, che copre gran parte del costo dei sinistri (circa il 75%) e dove la disciplina sarebbe troppo generosa nel riconoscimento delle micro lesioni permanenti, all'obbligarietà del risarcimento diretto, contro cui si è pronunciata anche la Corte Costituzionale.

In programma anche un incontro con le associazioni dei consumatori - che lamentano però di non essere stati convocati in questi giorni - con l'obiettivo di arrivare a Natale con un pacchetto di segnalazioni da presentare al governo e con una serie di provvedimenti da applicare.

Se vuoi aggiornamenti su RC AUTO, L'ISVAP: "RIDURRE I PREZZI" inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Lorenzo Stracquadanio | 28 luglio 2010

Vedi anche

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Una flotta di 20 Toyota Rav4 Hybrid e 5 Lexus (NX ed RX) consegnata a Roma alla presenza di Andrea Carlucci (Toyota Italia) e Giovanni Malagò.

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Il 45° presidente degli Stati Uniti "invita" Bmw a costruire vetture negli Usa anziché in Messico: pena un dazio di importazione pari al 35%.

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Oltre 100.000 fra Jeep Grand Cherokee e Dodge Ram avrebbero emissioni superiori al consentito. Marchionne: "Non ci spaventiamo, pronti a collaborare".