Toyota ripara 735.000 auto, ma non richiama...

Negli Stati Uniti, Toyota ha iniziato una fase di riparazione di 235.000 Rav4 e 500.000 Corolla Matrix. Per ora nessun richiamo. L'Nhts indaga

Negli Stati Uniti, Toyota si appresta a riparare 735.000 auto difettose, che però non saranno oggetto di un vero e proprio richiamo, visto che i problemi non sono pericolosi per la sicurezza.

La misura riguarda 235.000 modelli di RAV4 e 500.000 Matrix (in alcuni paesi note come Corolla Matrix), che verranno riparate gratuitamente nel centri di assistenza del costruttore giapponese sparsi per il territorio americano.

Della vicenda si sta occupando l'Nhtsa, l'ente federale preposto alla sicurezza stradale che dopo aver aperto un'inchiesta dovrebbe dare il proprio verdetto relativamente ai problemi, che riguardano soprattutto lo sterzo su modelli commercializzati nel corso del 2009 e del 2010, soprattutto (ma non solo) nel mercato a stelle e strisce.

Nella RAV4, invece, il problema riguarda il cambio e la difficoltà nell'inserire le marce e i modelli coinvolti dovrebbero essere quelli venduti tra il 2001 e il 2003. Gli automobilisti che avessero già sistemato a loro spese l'inconveniente, potranno chiedere il rimborso alla Casa madre.

Se vuoi aggiornamenti su TOYOTA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 19 luglio 2010

Altro su Toyota

Toyota Camry: un teaser anticipa la prossima generazione
Anteprime

Toyota Camry: un teaser anticipa la prossima generazione

La nuova generazione della world car Toyota Camry abbraccerà uno stile più dinamico e sportivo.

Toyota C-HR, elogio della personalità
Ultimi arrivi

Toyota C-HR, elogio della personalità

Estetica "da prototipo", doppia motorizzazione che strizza l’occhio all’ibrido e trazione integrale. La crossover-coupé giapponese sguinzaglia le proprie armi con doti dinamiche sorprendenti.

Toyota: nel 2020 una nuova gamma elettrica extended range?
Ecologiche

Toyota: nel 2020 una nuova gamma elettrica extended range?

Rumors dal Web indicano che il colosso giapponese svilupperà, in tempo per le Olimpiadi di Tokyo, una gamma zero emissioni ad autonomia elevata.