Lexus LF-A: le prime 500 sono andate a ruba

Inutile cercarne una: per 300.000 euro, meglio guardare altri modelli. Da dicembre se ne consegneranno 20 al mese. In Usa, una campagna anti-furbetti

Lexus LF-A: le prime 500 sono andate a ruba

di Francesco Giorgi

04 giugno 2010

Inutile cercarne una: per 300.000 euro, meglio guardare altri modelli. Da dicembre se ne consegneranno 20 al mese. In Usa, una campagna anti-furbetti

Sold out”, è il metaforico cartello che Toyota ha apposto sul muso della LF-A, la GT prodotta dalla Lexus in 500 esemplari e che ha già registrato il tutto esaurito. In questi giorni, infatti, il Gruppo giapponese ha annunciato di avere piazzato tutte le unità programmate nei mesi scorsi, al momento del lancio della supercoupé. La maggior parte degli ordini, in Europa, sono stati fatti in Germania, dove i nuovi possessori della LF-A hanno versato un anticipo di circa 102.000 euro. Il 30% circa del prezzo finale, fissato in 300.000 euro.

Interessante, in questo senso, la politica adottata dalla Toyota: la produzione della LF-A è stata pianificata per 20 unità al mese. In questo modo, tutti gli ordini saranno evasi in un arco di 25 mesi. Ovvero: dal prossimo dicembre, quando avverranno le prime consegne, agli ultimi giorni del 2012 con gli ultimi clienti che si metteranno al volante della LF-A.

Oltreoceano, la Toyota ha adottato una singolare strategia anti speculazione. Per evitare che ogni esemplare possa essere accaparrato dai “soliti” personaggi che ne acquistano uno per poi rivenderlo, dopo pochi mesi, a una cifra molto più alta rispetto al prezzo di listino, negli USA la LF-A viene venduta con un pagamento rateale per i primi due anni e, al termine di questo periodo, si darà al cliente (non chiamiamolo “proprietario”, in questo caso) la possibilità di pagare la differenza e acquistarla. Una specie di leasing “anti furbetti”.[!BANNER]

Consegne col contagocce, dunque. Ma non c’è da meravigliarsi: come la maggior parte delle GT di grande pregio, anche la LF-A viene assemblata a mano.

Da considerare anche una finalità, nemmeno tanto secondaria, per la Toyota, di rinnovamento dell’immagine: la recente maxi campagna di richiamo, che oltre a 8 milioni di Toyota nel mondo ha interessato anche la Lexus, non sembra avere scalfito le peculiarità di anti Ferrari con le quali è stata sviluppata la LF-A.

La Lexus LF-A, svelata in anteprima lo scorso autunno al Salone di Tokyo, è il modello più potente mai prodotto dal marchio giapponese. La coupé, attesa per quattro anni nella sua versione definitiva (la concept iniziale venne presentata nel 2005 al Salone di Detroit), è la vettura indicata dalla Lexus per dare una decisa sterzata alla propria immagine.

La meccanica conta sul V10 da 4,8 litri realizzato con un massiccio impiego di materiali leggeri (lega di alluminio, magnesio e titanio) da 560 CV di potenza a 8700 giri e ben 480 Nm di coppia, abbinato a un cambio ASG “sequenziale automatico” a 6 rapporti, in grado di spingere la LF-A a 325 km/h e da 0 a 100 km/h in appena 3,7 secondi.