Manovra finanziaria, Alemanno: Gra... Gratis

Il primo cittadino della capitale contrario alla proposta di introdurre forme di pagamento per il Grande raccordo anulare

Gianni Alemanno boccia l'idea di applicare un pedaggio per il Grande raccordo anulare (Gra). Il primo cittadino ha spiegato infatti che "per i romani non si tratta di un'autostrada ma di un'arteria interna alla città". Il Gra, pur essendo simile a un tratto autostradale, viene impiegato quotidianamente, da migliaia di romani e non, per raggiungere i due estremi della capitale in tempi ragionevoli. Discorso diverso invece per la tratta Roma-Fiumicino dove il pedaggio potrebbe essere introdotto. Alemanno ha comunque affermato che l'amministrazione cercherà di evitarne l'adozione. 

Contrario all'idea anche il presidente della Provincia Nicola Zingaretti: "La Provincia di Roma è nettamente contraria a qualsiasi ipotesi di pedaggio per gli automobilisti per percorrere il Grande Raccordo Anulare. In un momento di grave crisi economica e sociale per le famiglie del nostro territorio la sola idea di introdurre balzelli per accedere ad una grande e fondamentale arteria della nostra provincia è fuori dal mondo. Il Governo recuperi i soldi rubati della "cricca" e non metta mano nelle tasche dei cittadini della provincia di Roma".

L'ipotesi di introdurre la formula di pagamento classica delle arterie veloci è legata alla Finanziaria varata dal Governo che prevede un giro di vite per enti, istituzioni, pubbliche amministrazioni, ecc. Lungo 68,2 km il Gra è gestito direttamente dall'Anas e viene percorso giornalmente da circa 160.000 veicoli (58 milioni in un anno). 

Se vuoi aggiornamenti su MANOVRA FINANZIARIA, ALEMANNO: GRA... GRATIS inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Lorenzo Stracquadanio | 28 maggio 2010

Vedi anche

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Una flotta di 20 Toyota Rav4 Hybrid e 5 Lexus (NX ed RX) consegnata a Roma alla presenza di Andrea Carlucci (Toyota Italia) e Giovanni Malagò.

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Il 45° presidente degli Stati Uniti "invita" Bmw a costruire vetture negli Usa anziché in Messico: pena un dazio di importazione pari al 35%.

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Oltre 100.000 fra Jeep Grand Cherokee e Dodge Ram avrebbero emissioni superiori al consentito. Marchionne: "Non ci spaventiamo, pronti a collaborare".