Fumo in auto? A Milano dicono NO

Lo rivela un sondaggio: più del 56% è contrario alla sigaretta mentre si guida. Provoca distrazione, oltre ai noti rischi per la salute

Fumo in auto? A Milano dicono NO

di Francesco Giorgi

26 maggio 2010

Lo rivela un sondaggio: più del 56% è contrario alla sigaretta mentre si guida. Provoca distrazione, oltre ai noti rischi per la salute

La sigaretta mentre si è al volante? Per i milanesi, meglio di no. Può essere pericoloso per la circolazione stradale, oltre al fatto che costituisce un reale rischio per la salute di chi guida e dei passeggeri. E’ il risultato di un sondaggio compiuto nei giorni scorsi dalla compagnia d’assicurazione Direct Line e commissionato alla Nexplora.

Dall’esame delle risposte ricevute, è emerso che oltre la metà (56,3%) degli automobilisti residenti nella metropoli lombarda e ai quali è stato chiesto cosa ne pensassero del fumo in auto, si è dichiarata d’accordo sull’eventualità di abolirlo.

I motivi? Per lo più sono connessi alla sicurezza. Il 58,7% degli automobilisti milanesi ha osservato che fumare quando si è alla guida può essere pericoloso allo stesso modo, o addiruttura ancora di più, che utilizzare il telefono cellulare.

E passiamo ai rischi per la salute: l’80,3% delle persone intervistate ha già preso coscienza dei pericoli sanitari derivanti dal fumo, tanto che ha dichiarato di proibire il fumo in auto.[!BANNER]

I risultati del sondaggio sembrano la fotocopia di quanto dichiarato dal Codacons, che ha individuato come il 15% degli incidenti stradali sia frutto della distrazione, e si possa ricondurre al fumo di sigaretta; inoltre, secondo l’associazione di difesa dei consumatori, costituisce un problema sanitario di primaria importanza, perché basta una sola sigaretta per trasformare l’abitacolo in una specie di camera a gas.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...