Prezzo amico: sconto benzina in autostrada

Scatterà lunedì prossimo l'iniziativa di Autostrade per l'Italia. Coinvolte 80 stazioni di servizio. Ribassi di 6 centesimi al "fai da te"

La benzina in autostrada sarà meno cara. Da lunedì prossimo (24 maggio), partirà Prezzo amico, una iniziativa di sconto del carburante al litro attuata da Autostrade per l'Italia, in collaborazione con l'Unione petrolifera e i gestori delle stazioni di servizio. Gli sconti, rivolti a tutti gli automobilisti, avranno un'incidenza di circa 6 centesimi rispetto al prezzo consigliato per il "fai da te".

"Prezzo amico" sarà attuato in 80 aree di servizio della rete autostradale italiana, e i distributori coinvolti saranno visibili attraverso delle specifiche installazioni, dei pannelli elettronici di indicazione delle tariffe, alimentati a energia solare, che saranno aggiornati dai gestori o dalle Compagnie petrolifere. In questo modo, si renderà visibile all'istante il prezzo praticato sull'impianto, quello consigliato al self service, e lo sconto applicato.

Per questa iniziativa, la società Autostrade ha messo a disposizione delle compagnie petrolifere e dei gestori 5 milioni di euro: "Il nostro è un contributo per contrastare in maniera concreta il generale aumento dei prezzi del carburante - osserva Giovanni Castellucci, amministratore delegato di Autostrade per l'Italia SpA - Gli automobilisti che si riforniranno alle stazioni di servizio che aderiscono al Prezzo amico otterranno dei prezzi fra i più bassi in Italia".

Da parte nostra, solo una osservazione: anche se i 5 milioni di euro destinati da Autostrade per l'Italia, come "importo non dovuto", derivano dall'azione di una società privatizzata, questo vuol dire che i metodi per abbassare il costo del carburante alla pompa ci sono. Perché non dirottare una parte delle tasse verso un generale ribasso del carburante al litro anche sulle altre strade?

Se vuoi aggiornamenti su PREZZO AMICO: SCONTO BENZINA IN AUTOSTRADA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 21 maggio 2010

Vedi anche

Emissioni: la stampa francese accusa Renault

Emissioni: la stampa francese accusa Renault

Un dossier che conterrebbe valori di NOx alterati pubblicato da Libération. Renault puntualizza: "Mai violato alcuna normativa".

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

La trattativa per la cessione di Opel a PSA ha attirato l'attenzione della politica e dei governi coinvolti.

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Dall’Europa all’Asia, all’America: il TomTom Traffic Index passa al setaccio il grado di congestionamento urbano. E si scopre che Palermo…