Usa: 167.000 Honda rischiano le fiamme

La misura riguarda le Honda Acura TSX vendute negli Stati Uniti. Motivo: una perdita di liquido nel motore può innescare un incendio

Fra le auto giapponesi e gli Stati Uniti sembra un po' essersi perso quel feeling degli ultimi anni. Dopo le vicende dei richiami di Toyota, ecco Honda Motors, che ha reso noto di avere intenzione di rivedere una per una 167.255 Acura TSX, la sport wagon presentata al salone di New York il mese scorso.

Il motivo del richiamo è piuttosto preoccupante: possibilità che nel cofano motore si sviluppino delle fiamme a causa di perdite del tubo della benzina e a causa delle alte temperature che si creano, che potrebbero innescare l'incendio. In aggiunta, la Casa costruttrice ha comunicato che le perdite di liquido si aggiungono alle perdite di olio che possono raggiungere anche il tubo di scarico a rischio di altre fiamme. Insomma: una cosa seria.

Anche la NHTS, l'ente federale per la sicurezza stradale, ha preso atto del problema e lo ha confermato.

Chris Naughton, il portavoce di Honda per il nord America, ha reso noto che ingegneri e tecnici sono già al lavoro per  cercare di sostituire il tubo difettoso senza costi aggiuntivi da parte dei proprietari. L'azione di richiamo è iniziata in seguito a un report di un meccanico che segnalava il problema su una delle Acura.

Se vuoi aggiornamenti su HONDA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 04 maggio 2010

Altro su Honda

Nuova Honda Civic 5 porte 2017 al Salone di Los Angeles
Anteprime

Nuova Honda Civic 5 porte 2017 al Salone di Los Angeles

Honda si prepara a lanciare la versione due volumi cinque porte della rinnovata Civic.

Honda: svelate le novità dedicate al SEMA di Las Vegas
Tuning

Honda: svelate le novità dedicate al SEMA di Las Vegas

Al Sema di Las Vegas protagoniste numerose versioni dell’Honda Civic e del pick-up Honda Ridgeline.

Honda: un milione di auto ecosostenibili entro il 2030
Ecologiche

Honda: un milione di auto ecosostenibili entro il 2030

La Casa dell’Ala punta ad una data più abbordabile per raggiungere l’obiettivo di un milione di vetture attente all’ambiente.