A Mirafiori si profila un maggio molto caldo

Nel mese di maggio, la cassa integrazione toccherà circa 2.500 dipendenti (fra impiegati e operai) dello stabilimento torinese di Mirafiori

Mirafiori: lo stabilimento Fiat

Altre foto »

Il gruppo Fiat ha reso noto il nuovo programma di cassa integrazione per alcuni reparti dello stabilimento torinese di Mirafiori. In dettaglio, dal 10 al 16 maggio la misura colpirà 1.765 dipendenti degli Enti centrali, di cui 1.577 impiegati e 188 operai. Il 14, il 20 e il 21 maggio sarà invece la volta di 766 operai e 103 impiegati delle presse mentre dal 10 al 23 maggio toccherà a 100 operai e 30 impiegati di costruzione stampi.

La notizia giunge a 3 settimane di distanza dalla comunicazione della Casa del Lingotto che annunciava il taglio della prima delle due settimane di cassa integrazione, dal 30 marzo al 5 aprile.

Naturalmente, non tardano ad arrivare le prime dichiarazioni di preoccupazione sul fronte sindacale: Vincenzo Aragona, segretario della Fismic piemontese (il sindacato autonomo metalmeccanici e industrie colelgate), auspica che l'incontro del 21 aprile, in cui Fiat presenterà ad analisti e sindacati il piano industriale per i prossimi anni, possa riservare qualche notizia positiva per lo storico stabilimento di Mirafiori. "Chiediamo che venga assegnato a questo impianto torinese un modello di auto di livello medio-basso: solo così potremo salvarlo e proteggere l'occupazione del Piemonte".

Intanto la Fismic ha chiesto al neo eletto presidente della Regione, il leghista Roberto Cota, di convocare un tavolo con le parti sociali per affrontare la crisi occupazionale del Piemonte, che non coinvolge solo il settore delle 4 ruote.

A Piazza Affari, il titolo del gruppo torinese ha perso quota dopo che Lorenzo Sistino, responsabile del brand, aveva annunciato di prevedere per aprile un calo delle immatricolazioni tra il 10% e il 20%.

Se vuoi aggiornamenti su A MIRAFIORI SI PROFILA UN MAGGIO MOLTO CALDO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 14 aprile 2010

Vedi anche

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Il 45° presidente degli Stati Uniti "invita" Bmw a costruire vetture negli Usa anziché in Messico: pena un dazio di importazione pari al 35%.

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Oltre 100.000 fra Jeep Grand Cherokee e Dodge Ram avrebbero emissioni superiori al consentito. Marchionne: "Non ci spaventiamo, pronti a collaborare".

Pedaggi autostradali: i nuovi aumenti 2017

Pedaggi autostradali: i nuovi aumenti 2017

Con l’inizio del nuovo anno arrivano i nuovi aumenti nel 2017 dei pedaggi autostradali caratterizzati da una media dello 0,6%.