Toyota ha taciuto sui difetti delle proprie auto

Questa la motivazione della prima accusa ufficiale mossa dalle autorità americane a Toyota per il problema all'acceleratore

Le parole non lasciano adito a dubbi: "Toyota sapeva, ma sui difetti alle proprie vetture che hanno provocato diversi incidenti mortali, ha consapevolmente taciuto".

Ecco la motivazione ufficiale dell'accusa mossa al costruttore giapponese dalla prima causa intentata dalle autorità americane in difesa dei consumatori. La contea californiana di Orange - presso Los Angeles - ha voluto evidenziare soprattutto i rischi corsi degli automobilisti.

"Toyota - ha detto il procuratore distrettuale Tony Rackauckas - ha venduto consapevolmente ai californiani centinaia di migliaia di automobili con difetti che portano ad accelerazioni improvvise e incontrollabili. Ne era al corrente, ma li ha taciuti volontariamente ai consumatori".

Il problema principale era l'acceleratore di alcuni modelli, che si incastrava a fine corsa, non dando la possibilità dai malcapitati di fermarsi o rallentare, come accaduto la settimana scorsa a un automobilista di San Diego la cui Prius è stata bloccata solo dopo un abile intervento di una pattuglia della polizia stradale.

Se vuoi aggiornamenti su TOYOTA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 15 marzo 2010

Altro su Toyota

Toyota C-HR: la prova su strada
Prove su strada

Toyota C-HR: la prova su strada

Al volante del Crossover giapponese audace nelle forme e ibrido nel cuore

Toyota C-HR: cambio manuale per la versione 1.2 benzina Active
Ultimi arrivi

Toyota C-HR: cambio manuale per la versione 1.2 benzina Active

La Toyota C-HR 1.2 litri Turbo benzina con il cambio manuale offre prestazioni ancora più brillanti a fronte di consumi ed emissioni molto contenute.

Salone di New York: debutta la Toyota FT-4X Concept
Concept

Salone di New York: debutta la Toyota FT-4X Concept

Alla rassegna newyorkese, Toyota espone un interessante prototipo di fuoristrada compatto dalle funzionalità "multiuso".