Maserati trasferisce la produzione a Torino?

I dipendenti Maserati oggi in sciopero. Il sindaco di Modena ha però ricevuto rassicurazioni: il grosso della produzione resterà in Emilia

Da questa mattina, e per tutta la giornata, circa 600 dipendenti della Maserati sono in sciopero contro il possibile trasferimento della produzione da Modena all'ex stabilimento Bertone di Torino. L'ipotesi è suffragata anche dal fatto che personale tecnico della casa del tridente sia stato visto nella fabbrica Fiat della città piemontese. L'agitazione odierna segue quella di mercoledì scorso, quando i lavoratori avevano incrociato le braccia per protestare contro il "Piano Italia" del gruppo Fiat.

Nel frattempo, i dipendenti hanno organizzato un presidio, bloccando i cancelli della sede di viale Menotti. Il rappresentante sindacale Fiom-Cgil Erminio Veronesi ha detto che l'adesione allo sciopero è stata totale e che le voci sul trasferimento dello storico marchio modenese non sono mai state smentite dall'azienda.

Da Modena a Maranello il passo è breve: allo sciopero hanno partecipato anche delegati sindacali della Ferrari, in attesa che martedì prossimo, 16 febbraio, si tenga un incontro tra le parti per discutere del futuro della Maserati. 
A gettare acqua sul fuoco ha pensato il sindaco della città emiliana, Giorgio Pighi, che ha affermato di aver ricevuto rassicurazioni sul fatto che non sarà trasferita a Torino una parte consistente della produzione della Maserati.

"Si sono diffuse indiscrezioni che hanno generato preoccupazioni legittime - ha detto il primo cittadino di Modena - ma non mi è stata confermata alcuna volontà di voler trasferire attività della Maserati a Torino. E questo è certamente un bene nel quadro di una vertenza difficile e complessa che richiede attenzione e delicatezza". Il sindaco ha anticipato questa notizia ai sindacati telefonando ai segretari provinciali di Cgil, Cisl e Uil Donato Pivanti, Francesco Falcone e Luigi Tollari.

Se vuoi aggiornamenti su MASERATI TRASFERISCE LA PRODUZIONE A TORINO? inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 10 febbraio 2010

Vedi anche

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

Bollo auto: sconto per chi sceglie la domiciliazione bancaria

In Lombardia è previsto uno sconto del 10% sul bollo auto per chi sceglie la domiciliazione bancaria.

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Bollo auto: chi non paga, non potrà circolare

Emendamento PD alla Legge di Stabilità: dal 2018 i centri revisione controlleranno anche la situazione bollo. Niente collaudo per chi non pagherà.

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell

Trump presidente USA: gli effetti sul mondo dell'auto

L'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca avrà conseguenze anche sul mondo dell'auto, con particolare attenzione ad emissioni e delocalizzazione.