Saab, la vendita si fa sempre più vicina

Trasferiti alla BAIC i diritti di produzione in Cina della 9-3 e 9-5. Nei giorni scorsi incontro fra vertici GM e Spyker: la Saab passa di mano?

Saab, la vendita si fa sempre più vicina

di Francesco Giorgi

14 dicembre 2009

Trasferiti alla BAIC i diritti di produzione in Cina della 9-3 e 9-5. Nei giorni scorsi incontro fra vertici GM e Spyker: la Saab passa di mano?

Baic e Saab, accordo concluso. Questa mattina la General Motors, fino al prossimo 31 Dicembre – come annunciato da tempo – proprietaria del marchio svedese, ha raggiunto un agreement con la cinese BAIC per l’assemblaggio di una gamma di modelli che appartengono alla “vecchia generazione” delle vetture a marchio Saab.

In particolare, si tratterà della 9-3 e della 9-5, quest’ultima tolta di produzione la scorsa estate. Secondo gli accordi fra le due Case, la BAIC (grazie all’ottenimento, nei giorni scorsi, di un credito da 2,93 miliardi di dollari dalla Bank of China) è divenuta proprietaria dei diritti di produzione delle due vetture, che saranno assemblate – complete di motori e delle linee di montaggio – in Cina, e saranno vendute con il marchio cinese della Beijing Automotive Industry Corporation.

La BAIC, da qualche mese entrata nel novero dei possibili acquirenti della Saab dopo che GM aveva annunciato che, in mancanza di un compratore, il marchio svedese sarebbe scomparso, si trova dunque nella felice posizione di avere raggiunto un accordo di tutto vantaggio.

Senza “comprarsi” Saab, infatti, si è appropriata dei diritti di produzione, e si avvia alla realizzazione, per il mercato interno, di una gamma di vetture (in special modo la 9-5) ancora recenti e dagli elevati standard di qualità.[!BANNER]

Resta, tuttavia, ancora in sospeso il destino di Saab, al quale alla fine di Novembre è stato inferto un duro colpo dall’improvvisa uscita di scena della Koenigsegg, il costruttore artigianale svedese che sembrava la figura più accreditata per un new deal della Saab. Adesso, in lizza restano Spyker e Renco Group di New York, società che fa capo al finanziere Ira Rennert.

Nei giorni scorsi, secondo alcune “fonti” vicine ad entrambe le aziende, i vertici della olandese Spyker hanno incontrato a Zurigo una rappresentanza della GeneralMotors: sul tavolo c’erano i dettagli dell’accordo. La cessione del marchio svedese, dunque, si concretizza: nei prossimi giorni vedremo se, ad avere la meglio, sarà la Spyker.