Crash test Euro NCAP, gli ultimi risultati

Cinque stelle a profusione nelle prove d'urto. Migliora Chevrolet, un po' sotto le aspettative Toyota. I pedoni non sono così protetti

Bmw X1, Chevrolet Cruze, Citroen DS3, Infiniti FX, Mazda3, Mercedes Classe E, Mercedes GLK, Opel Astra, Peugeot 5008 e Volkswagen Scirocco. Sono queste le "reginette a cinque stelle", secondo i crash test condotti negli ultimi giorni dall'Euro NCAP (New Car Assessment Programme), l'Ente con sede a Bruxelles che prova la sicurezza delle vetture attraverso i crash test.

Dai risultati, appare migliorata la sicurezza per la Chevrolet (dalla sola "stellina" della Aveo alle cinque stelle della Cruze); e, altra faccia della medaglia, meno brillante si è rivelata essere la Toyota Urban Cruiser, che ha ottenuto appena tre stelle.

Andiamo con ordine, i risultati vettura per vettura

BMW X1. La mini SUV ha rivelato un notevole livello di sicurezza per i passeggeri adulti, che risultano protetti per l'87%. Altrettanto buona è la protezione per i bambini: l'86% di sicurezza lo conferma. Bene, anzi, il risultato migliore del lotto, riguardo alla protezione dei pedoni, soprattutto sulla capacità di assorbimento dei paraurti in caso di urto a bassa velocità contro le gambe.

CHEVROLET CRUZE. La nuova media del Gruppo GM ha ottenuto un ottimo livello di protezione per i passeggeri: 96%. Segno che la lezione imparata qualche anno fa con la Aveo (che si aggiudicò appena una stella: il minimo) è servita. La sicurezza per gli occupanti adulti è stata la seconda migliore fra le ultime vetture testate dall'Euro NCAP. Molto bene anche per i bambini, per i quali il Crash test ha fatto registrare l'84% di protezione. Per contro, la protezione riservata ai pedoni è stata piuttosto bassa: appena il 34%. I dispositivi di sicurezza installati di serie (e che costituiscono anch'essi una "voce" di valutazione) si sono attestati al 71%.

CHEVROLET SPARK. L'ultima arrivata della Chevrolet, la piccola Spark, che sarà venduta in Italia a partire dall'1 Dicembre, non ha ottenuto le 5 stelle NCAP, ma solo per una mancanza: la Spark non montava di serie il sistema ESC (Electronic Stability Control) per il controllo elettronico della stabilità. D'altro canto, la protezione per gli occupanti è stata buona (seppure non ottima): 81%. Appena inferiore, comunque nella media, la sicurezza per i bambini: 78%. Basso, ma anche questo sulla stessa lunghezza d'onda di tante altre vetture sottoposte nel tempo ai test NCAP, il livello di protezione per i pedoni: 43%, uguale alla valutazione registrata dai tecnici per i sistemi di sicurezza installati di serie.

CITROEN DS3. La nuova compatta del Double Chvron è una vettura dalle due facce: esteticamente molto piacevole e innovativa, ha ottenuto, sì, le 5 stelle NCAP, ma nin fatto di sicurezza... Per i bambini, ad esempio, la protezione rilevata è stata del 71%, fra i più "bassi", così come il 35% di sicurezza offerto ai pedoni suona come un invito a migliorare. Al contrario, la sicurezza per gli occupanti adulti è molto buona: 87%, segno questo che la scocca si è rivelata molto robusta e caratterizzata da un elevato indice di deformabilità che evita ai passeggeri i pericoli derivanti dal "contraccolpo". Altrettanto soddisfacente la dotazione dei sistemi di sicurezza, che ha fruttato alla DS3 un punteggio dell'83%.

INFINITI FX. Da un SUV alto di gamma, rifinito con cura, che appartiene al brand di lusso Nissan, l'aspettativa è elevata, soprattutto in termini di sicurezza. In effetti, la FX ha ottenuto 5 stelle, meritate per la protezione offerta agli occupanti (86%) e il ricco equipaggiamento di serie: dallo Speed control attivabile dal conducente che impedisce di superare il limite preimpostato, al sedile di guida a impostazione automatica, alla trazione integrale a controllo "intelligente", al monitor con visuale a 360 gradi, al retrotreno autosterzante a comando "attivo" e all'impianto di illuminazione anteriore a elementi adattivi allo Xeno. Un po' più bassa la valutazione per i bambini (77%), mentre la protezione per i pedoni è in linea con altre vetture: 44%.

MAZDA 3. Come molte auto del Sol Levante, anche la media giapponese si è rivelata molto sicura, tanto da meritare il massimo giudizio. Efficace la scocca in caso di urto frontale e laterale, ha garantito nel Crash test una protezione per gli adulti dell'86%. Elevata anche la sicurezza per i bambini, che ha ottenuto l'84%. Buono il giudizio per i sistemi di sicurezza installati di serie (71%) e, piacevole sorpresa, sopra la media anche la sicurezza per i pedoni, che ha ottenuto il 51%.

MERCEDES CLASSE E. La nona serie della berlina di Stoccarda ha rivelato una dotazione di sicurezza molto buona (86%), e un altrettanto elevato grado di protezione per i passeggeri adulti (86%). Peccato veniale la protezione per i bambini, un poco inferiore rispetto alle altre (77%), ma la sicurezza della Classe E si mantiene elevata per i pedoni, secondo miglior risultato del gruppo con il 58%.

MERCEDES GLK. Come nel caso della Infiniti FX, il discorso sicurezza è un argomento inderogabile per tutte le vetture, ma per SUV di questo livello... A fronte di un 86% di sicurezza per i passeggeri adulti, del 76% riscontrato per i bambini e dell'elevato (rispetto alla media) 86% degli equipaggiamenti di sicurezza, la protezione dei pedoni è stata del 44%

OPEL ASTRA. Molto bene l'ultima nata di Russelsheim. Le 5 stelle sono per l'Astra, più che meritate. Nell'abitacolo, gli occupanti possono stare assolutamente tranquilli: il 95% di sicurezza registrato lo conferma. Molto buona anche la protezione offerta ai bambini, che è stata dell'84%. Questi risultati compensano il valore assegnato per i dispositivi di sicurezza (un "discreto", ma nulla più, 71%) e il grado di protezione per i pedoni (46%).

PEUGEOT 5008. Quanto alla Sicurezza attiva la nuova monovolume della Casa del Leone dà lezione a molte concorrenti. I tecnici di Sochaux non si sono certo risparmiati, tanto che il punteggio ottenuto è del 97%. Elevato il grado di protezione per i passeggeri adulti (89%) e per i bambini (79%). Un po' meno bene è il punteggio rilevato in caso di urto a bassa velocità per i pedoni: 37%, fra i punteggi più bassi.

TOYOTA URBAN CRUISER. Il crossover di taglia compatta giapponese è uscito dai Crash test con le ossa un po' rotte: solo 3 stelle. In effetti, si direbbe che il 58% di sicurezza per gli occupanti adulti e il 71% per i bambini siano dei risultati suscettibili di miglioramento. Per contro, i sistemi di sicurezza installati di serie sono stati molto efficaci, garantendo alla Urban Cruiser una valutazione dell'86%; buono, rispetto alla media, anche il valore di protezione per i pedoni: 53%.

VOLKSWAGEN SCIROCCO. Cinque stelle meritate per la coupé di Wolfsburg, che ha registrato, fra i punti di forza, la protezione dei passeggeri adulti (87%) e dei bambini (73%). La valutazione per i dispositivi di sicurezza (71%) indica che si può affinare ancora un poco la dotazione in questo senso, mentre in proporzione con le altre vetture è elevata la protezione per i pedoni: 53%.

Se vuoi aggiornamenti su CRASH TEST EURO NCAP, GLI ULTIMI RISULTATI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 27 novembre 2009

Vedi anche

Ford annuncia un investimento da 1,2 miliardi di dollari per gli Usa

Ford annuncia un investimento da 1,2 miliardi di dollari per gli Usa

Il programma rafforzerà gli impianti di produzione Suv e pick-up nel Michigan, dei relativi motori e lo sviluppo di nuove tecnologie per la mobilità.

Emissioni: la stampa francese accusa Renault

Emissioni: la stampa francese accusa Renault

Un dossier che conterrebbe valori di NOx alterati pubblicato da Libération. Renault puntualizza: "Mai violato alcuna normativa".

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

La trattativa per la cessione di Opel a PSA ha attirato l'attenzione della politica e dei governi coinvolti.