Sospensione parziale per 7.500 dipendenti Seat

L'anno prossimo per 7.500 dipendenti della Casa del Gruppo VW si attuerà un piano di "sospensione parziale" di 51 giorni complessivi

La dirigenza della Seat ha presentato, oggi, un piano di "sospensione tecnica" dal lavoro da attuare l'anno prossimo e che interesserà 7.484 dipendenti dell'azienda di Martorell.

Il programma, secondo quanto annunciato da un portavoce del Marchio catalano, prevederà una riduzione di 51 giorni ripartiti su tre turni di produzione.

Non è una buona notizia, anche se è un poco migliore rispetto alle più drastiche misure che erano state decise per il 2009, nel quale la "sospensione" dei dipendenti era stata di 115 giorni: "Le vendite delle nostre vetture hanno ripreso nell'ultimo mese - ha riferito il portavoce della Seat - e il mercato è migliorato".

Però, tutto questo non è stato sufficiente a evitare dei periodi di allontanamento per i dipendenti dell'azienda spagnola. D'altro canto, anche altri Costruttori che possiedono stabilimenti in Spagna hanno imposto ai propri dipendenti dei periodi di "riposo forzato", a causa della brusca diminuzione delle vendite di autoveicoli in Europa, che solo negli ultimi due mesi ha iniziato a riprendersi: a Ottobre, in Spagna, le immatricolazioni hanno registrato un aumento del 26,4% sulla base annuale. 

Se vuoi aggiornamenti su SEAT inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 19 novembre 2009

Altro su SEAT

Seat: arriva il car sharing per i dipendenti
Curiosità

Seat: arriva il car sharing per i dipendenti

Sarà un progetto pilota denominato Connected Sharing

Seat: la Arona e un nuovo SUV entro il 2018
Anteprime

Seat: la Arona e un nuovo SUV entro il 2018

Non c'è solo la Arona nel futuro di Seat. La casa spagnola intende lanciare infatti un nuovo SUV di grosse dimensioni derivato dalla concept 20V20.

Nuova Seat Leon 2017: primo contatto
Ultimi arrivi

Nuova Seat Leon 2017: primo contatto

L’auto più venduta della casa spagnola cambia pelle e contenuti che vanno ad aumentare l'offerta tecnologica e la sicurezza.