Nasce il distretto milanese dell'auto

Dal prossimo 30 novembre ci sarà un nuovo sistema produttivo che coinvolge gli addetti ai lavori automotive per promuovere lo sviluppo del settore

A rappresentare l'intera realtà dell'automotive lombarda, dal 30 novembre prossimo, ci sarà un nuovo sistema produttivo che, radunando imprese, università, associazioni di categoria, istituzioni pubbliche e consorzi di imprese, tutti coinvolti nel settore dell'auto, intende promuoverne lo sviluppo e la competitività internazionale.

L'unione fa la forza dunque e l'obiettivo immediato è quello di raccogliere quante più adesioni possibili al fine di rafforzare questo nuovo sistema produttivo, nato dalla sinergia fra POLI AUTO (Politecnico di Milano - Dipartimento di Meccanica) e il capofila della filiera dell'industria automotive (CSMT Gestione Scarl di Brescia).

Questa coesione di forze produttive dell'automotive delle province di Milano, Bergamo, Brescia, Cremona, Lecco e Mantova si qualifica non solo come una delle aggregazioni più grandi e importanti a livello nazionale ma anche come un'occasione di convergenza e condivisione di risorse, know-how, competenze tecnologiche in grado di apportare ricerca e innovazione.

A organizzare il networking del Sistema, ci sarà un comitato composto da Politecnico di Milano, Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso, ComunImprese Scarl e CSMT.

Se vuoi aggiornamenti su NASCE IL DISTRETTO MILANESE DELL'AUTO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Vedi anche

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

La trattativa per la cessione di Opel a PSA ha attirato l'attenzione della politica e dei governi coinvolti.

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Dall’Europa all’Asia, all’America: il TomTom Traffic Index passa al setaccio il grado di congestionamento urbano. E si scopre che Palermo…

Auto e moto: cos

Auto e moto: cos'è il "foglio unico" di circolazione?

Addio carta di circolazione e certificato di proprietà: i dati potrebbero essere accorpati in un unico documento.