La Carrozzeria Karmann sarà salvata da Volkswagen?

Un ripescaggio della storica carrozzeria è nell'aria. Bocche cucite sui termini, ma bisogna far presto: dopo la bancarotta, la chiusura è vicina

Karmann, atto terzo. Dopo la dichiarata bancarotta (all'inizio di Aprile) e l'annuncio "improrogabile" della chiusura degli impianti di realizzazione di parti di carrozzeria e capote, adesso per la Carrozzeria di Osnanbruck, storico partner della Volkswagen, può arrivare il momento del rilancio.

E' quanto dichiarato, in questi giorni, da alcune voci vicine a entrambe le aziende. Più nel dettaglio, i rumors indicano nella Volkswagen la figura che potrebbe prendersi carico delle sorti di Karmann, destinata alla chiusura definitiva il mese prossimo a causa dell'insufficiente fatturato del 2008 (1,3 miliardi di euro, troppo poco anche per una delle carrozzerie più attive).

Un'operazione salvataggio, insomma. Un piano che, se si concretizzasse, riporterebbe Karmann in un ruolo di primo piano nella realizzazione di componenti singoli e parti di carrozzeria e capote per la realizzazione di vetture cabriolet. Impossibile, per il momento, conoscere i termini dell'operazione.

Un portavoce Karmann ha dichiarato alla Reuters che una rappresentanza della stessa Carrozzeria e una delegazione della Volkswagen si sono incontrate, ma i contenuti del colloquio non sono stati svelati. Tutto ciò che è dato sapere, è che le tre famiglie proprietarie di Karmann - Battenfeld, Boll e Karmann - hanno intenzione di realizzare 65 milioni di euro, per regolarizzare il pagamento - ancora inevaso da qualche anno - di un nuovo reparto di verniciatura, del valore di 100 milioni di euro, che la Carrozzeria aveva acquistato e non ha ancora pagato.

Secondo il settimanale tedesco Spiegel, Volkswagen ha offerto una somma a due cifre (in milioni di euro) a favore della Karmann: un importo tuttavia insufficiente rispetto alle richieste delle tre famiglie proprietarie del Marchio.

Potrebbe essere questa la mossa della VW per il salvataggio Karmann? Con ogni probabilità, si è trattato di un primo abboccamento: un tentativo per verificare le reali richieste dell'Azienda di Osnanbruck, che dallo scorso Giugno è rimasta senza commesse. L'ultima vettura allestita da Karmann, infatti, è stata una Mercedes CLK. Da allora, i 1.700 lavoratori sono rimasti a braccia incrociate.

Se vuoi aggiornamenti su VOLKSWAGEN inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 26 ottobre 2009

Altro su Volkswagen

Volkswagen Tiguan 2016 1.6 TDI: primo contatto
Ultimi arrivi

Volkswagen Tiguan 2016 1.6 TDI: primo contatto

La Volkswagen Tiguan 2016 equipaggiata con la motorizzazione diesel 1.6 TDI debutta sul mercato italiano con prezzi a partire da 28.750 euro.

Volkswagen Arteon: il primo bozzetto ufficiale
Anteprime

Volkswagen Arteon: il primo bozzetto ufficiale

Sarà una vettura premium che si posizionerà in listino sopra la Passat.

Volkswagen: Mikkelsen ed Ogier trionfano nel rally d’Australia
Motorsport

Volkswagen: Mikkelsen ed Ogier trionfano nel rally d’Australia

Doppietta della Casa tedesca, l'ultima prima del ritiro dalle competizioni, nel rally australiano.