Jean Todt presidente della FIA

Consigliato da Mosley, Jean Todt lo sostituisce come presidente della Fia, la Federazione Internazionale dell'automobile

In realtà era già tutto previsto. Lo stesso presidente uscente della FIA, Max Mosley, aveva raccomandato questo suo successore alla carica più alta delle Federazione Internazionale dell'Automobile.

Lo hanno votato in larga maggioranza tutti i presidenti dei vari Automobile Club nazionali più una serie di rappresentanti dei vari sport. Così, Jean Todt è stato eletto presidente della Fia, al posto di Max Mosley che lascia l'incarico dopo 16 anni.

L'ex direttore tecnico della Ferrari ha battuto nella votazione dell'Assemblea generale della Fia a Parigi l'ex campione del mondo finlandese di rally, Ari Vatanenche che peraltro conosceva bene, avendolo avuto come pilota in squadra quando dirigeva il team Peugeot nel mondo dei rallies.

Il 63enne dirigente francese aveva tra l'altro, oltre al sostegno del suo predecessore Mosley, anche quello del patron della Formula 1, Bernie Ecclestone. Per lui hanno votato anche i rappresentanti italiani, anche se all'inizio lo stesso Montezemolo aveva dichiarato che avrebbe preferito una personalità più neutrale, pur riconoscendo le capacità di Todt.

Se vuoi aggiornamenti su JEAN TODT PRESIDENTE DELLA FIA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Leopoldo Canetoli | 23 ottobre 2009

Vedi anche

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Una flotta di 20 Toyota Rav4 Hybrid e 5 Lexus (NX ed RX) consegnata a Roma alla presenza di Andrea Carlucci (Toyota Italia) e Giovanni Malagò.

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Il 45° presidente degli Stati Uniti "invita" Bmw a costruire vetture negli Usa anziché in Messico: pena un dazio di importazione pari al 35%.

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Oltre 100.000 fra Jeep Grand Cherokee e Dodge Ram avrebbero emissioni superiori al consentito. Marchionne: "Non ci spaventiamo, pronti a collaborare".