Tommy 2.0, il dissuasore che protegge i parcheggi per i disabili

Ideato dal giornalista Gianluca Nicoletti, questo geniale dispositivo dovrebbe presto diffondersi sulle strade del 1° Municipio di Roma.

Sempre più spesso si notano parcheggi per disabili occupati da veicoli che non avrebbero il diritto di sostare in quegli spazi. Questa pessima abitudine mette ancora più in difficoltà persone che ogni giorno devono affrontare seri problemi di mobilità e di accesso alle infrastrutture.

Il giornalista Gianluca Nicoletti - padre di Tommaso, ragazzo autistico - per contrastare questo fenomeno ha ideato un sistema che dissuade chi occupa abusivamente questi parcheggi, grazie alla collaborazione con il 1° Municipio di Roma, ACI e ACI Consulting.

Battezzato "Tommy 2.0",questo speciale dispositivo si caratterizza per la presenza di una piastra elettrica (30 centimetri per 30) collegata ad un telecomando, installata sullo spiazzo dedicato al parcheggio dei disabili e dotata di un allarme sonoro. Quando lo spazio in questione viene occupato abusivamente, la piastra emette un suono e invia un messaggio all'avente diritto al parcheggio per disabili.  

Per il momento questo dispositivo è stata installato sotto casa di Nicoletti, ma la presidente, Sabrina Alfonsi, ha assicurato che presto verranno utilizzati su ben 350 posti per disabili del 1° Municipio della Capitale.

Se vuoi aggiornamenti su TOMMY 2.0, IL DISSUASORE CHE PROTEGGE I PARCHEGGI PER I DISABILI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 22 settembre 2016

Vedi anche

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

L’eletto presidente repubblicano incontra i vertici Fca, Ford e General Motors: al primo posto la difesa del lavoro negli Stati Uniti.

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Una flotta di 20 Toyota Rav4 Hybrid e 5 Lexus (NX ed RX) consegnata a Roma alla presenza di Andrea Carlucci (Toyota Italia) e Giovanni Malagò.

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Il 45° presidente degli Stati Uniti "invita" Bmw a costruire vetture negli Usa anziché in Messico: pena un dazio di importazione pari al 35%.