Airbag Takata, possibile richiamo per 4,3 milioni di veicoli GM

Lo scandalo degli airbag difettosi della Takata potrebbe portare ad un altro maxi-richiamo di circa 4,3 milioni di veicoli GM.

Il ciclone degli airbag difettosi prodotti da Takata non accenna ad arrestarsi: la General Motors ha infatti parlato di un possibile maxi-richiamo per altri 4,3 milioni di veicoli che potrebbe costare al colosso americano ben 550 milioni di dollari.

Lo scandalo degli Airbag difettosi della Takata sembra quindi non vedere mai una fine, ricordiamo infatti che la General Motors ha già richiamato 2,3 milioni di veicoli dichiarati potenzialmente difettosi, con un costo dell'operazione stimato per 320 milioni di dollari. Il difetto degli Airbag incriminato è sempre il medesimo, ovvero manca l'agente in grado di proteggerli dall'umidità, con quest'ultima che potrebbe portare in alcune condizioni ad un'esplosione potenzialmente letale.

Fino ad oggi si contano in Giappone e negli Stati Uniti ben 13 morti e oltre 100 feriti legati al problema degli Airbag difettosi. Per il momento gli Airbag con questo problema sono circa 100 milioni in tutto il mondo, ma solo la metà sono stati riparati.

 

Se vuoi aggiornamenti su AIRBAG TAKATA, POSSIBILE RICHIAMO PER 4,3 MILIONI DI VEICOLI GM inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 25 luglio 2016

Vedi anche

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Toyota nuovo partner ufficiale del CONI

Una flotta di 20 Toyota Rav4 Hybrid e 5 Lexus (NX ed RX) consegnata a Roma alla presenza di Andrea Carlucci (Toyota Italia) e Giovanni Malagò.

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Trump contro Bmw: maxi tassa se non produrrà negli Usa

Il 45° presidente degli Stati Uniti "invita" Bmw a costruire vetture negli Usa anziché in Messico: pena un dazio di importazione pari al 35%.

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Fca nel mirino di Epa: un nuovo Dieselgate negli Usa?

Oltre 100.000 fra Jeep Grand Cherokee e Dodge Ram avrebbero emissioni superiori al consentito. Marchionne: "Non ci spaventiamo, pronti a collaborare".