Airbag: Takata si prepara ad un nuovo maxi-richiamo

Sarebbero oltre 40 milioni gli airbag difettosi che dovranno rientrare in una nuova maxi campagna di richiamo.

L'azienda Takata torna a sua malgrado protagonista a causa di un altro maxi richiamo che riguarderà ben 40 milioni di Airbag difettosi. L'azienda giapponese specializzata in sistemi di sicurezza per auto era già dovuta ricorrere ad un richiamo di ben 25 milioni di veicoli, per un totale di circa 29 milioni di Airbag difettosi, dopo che alcuni componenti causarono la morte di 11 persone.

L'autorità statunitensi NHTSA ha infatti imposto all'azienda nipponica il richiamo di almeno 30 milioni di vetture che dovrà concludersi in modo tassativo entro il 2019. In caso di incidente, gli Airbag difettosi si aprirebbero in modo troppo violento, provocando una vera e propria pericolosissima pioggia di pezzi del rivestimento.

Takata fornisce gli Airbag a numerosi costruttori internazionali e non solo a quelli giapponesi; per far fronte all'emergenza, l'azienda nipponica ha già aumentato la sua produzione mensile di 1,5 milioni di unità.

Se vuoi aggiornamenti su AIRBAG: TAKATA SI PREPARA AD UN NUOVO MAXI-RICHIAMO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 06 maggio 2016

Vedi anche

Tommy 2.0, il dissuasore che protegge i parcheggi per i disabili

Tommy 2.0, il dissuasore che protegge i parcheggi per i disabili

Ideato dal giornalista Gianluca Nicoletti, questo geniale dispositivo dovrebbe presto diffondersi sulle strade del 1° Municipio di Roma.

Apple punta alla McLaren, ma la Casa di Woking smentisce

Apple punta alla McLaren, ma la Casa di Woking smentisce

L'azienda di Cupertino potrebbe acquisire la McLaren per usufruire delle sue tecnologie e puntare alla guida autonoma.

Tesla Model S: gli hacker ne prendono il controllo

Tesla Model S: gli hacker ne prendono il controllo

Un attacco hacker ha consentito di prendere il controllo della Tesla Model S. Il bug software è stato corretto, ma i dubbi sulla sicurezza rimangono.