Ferrari: il debutto in Borsa a Piazza Affari

Dopo il debutto a New York, la Casa di Maranello viene quotata anche alla Borsa di Milano dove il titolo viene proposto a 43 euro.

Ferrari 488 Spider: prime immagini ufficiali

Altre foto »

La Ferrari è sbarcata alla Borsa di Piazza Affari, a Milano, dopo il debutto dello scorso anno a Wall Street. Le azioni della Casa di Maranello sono state distribuite a 43 euro, mentre a New York aveva chiuso a 48 dollari (circa 44 euro al cambio attuale), con una capitalizzazione di mercato di circa 8,32 miliardi di euro. Il titolo è stato sospeso dalle contrattazioni, dopo essere sceso sotto quota 42 euro. L'evento ha visto la partecipazione del presidente Ferrari, Sergio Marchionne, accompagnato dal  presidente di FCA (Fiat-Chrysler), John Elkann, dal Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e dal vicesindaco di Milano, Francesca Balzani. Dopo

"Con la quotazione si è aperto un nuovo capitolo - ha commentato Marchionne al momento del debutto della Ferrari alla Borsa di Milano, aggiungendo che -  È un nuovo traguardo, una nuova partenza. Competere sul listino di Milano per la Ferrari è come tornare alle origini". Anche il Capo del Governo si è mostrato particolarmente entusiasta, sottolineando l'importanza di questa operazione finanziaria e augurando che sia di buon auspicio all'intera economia italiana:" Il 2016 vorrei che fosse l'anno in cui smettiamo di recuperare i ritardi e cominciamo a correre più forte degli altri. In bocca al lupo, la quotazione è un bellissimo messaggio per l'intero Paese e una straordinaria occasione per gli investitori".

Renzi non ha esitato ad esaltare le capacità delle aziende italiane e la loro grande competitività: "Finalmente l'Italia c'è, il nostro più grande alleato è la globalizzazione e se ci mettiamo in pista siamo i primi del mondo - il Presidente del Consiglio ha inoltre ricordato che - un grande Paese può attraversare momenti che non vanno ma si può ripartire".

Il debutto a Piazza Affari della Ferrari sancisce anche la prima quotazione del Gruppo FCA senza l'azienda del Cavallino Rampante. Nell'ultimo giorno in cui chi comprava azioni Fiat-Chrysler aveva diritto anche a quelle Ferrari - con un rapporto di 10 azioni FCA per una Ferrari - il titolo dell'azienda italo-americana è calato dell'1,37%, chiudendo a 12,92 euro, mentre a Wall Street, la Casa del Cavallino Rampante è scesa dello 0,85%,chiudendo a 48 dollari le operazioni di contrattazione dell'anno appena concluso. Presto il Ministero dei Trasporti pubblicherà i dati relativi alle vendite di dicembre e dell'intero 2015, sottolineando l'andamento più che positivo di FCA, capace di fare meglio della media del mercato.

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 04 gennaio 2016

Altro su Ferrari

Ferrari: celebra i 70 anni con 70 livree speciali
Anteprime

Ferrari: celebra i 70 anni con 70 livree speciali

La Casa di Maranello proporrà 70 colorazioni per ognuno dei 5 modelli in listino

Ferrari: ricorso per la penalizzazione di Vettel nel GP del Messico
Motorsport

Ferrari: ricorso per la penalizzazione di Vettel nel GP del Messico

Il team di Maranello torna all’attacco in seguito alle vicende messicane

Ferrari, Marchionne: dal 2019 una gamma ibrida
Cronaca

Ferrari, Marchionne: dal 2019 una gamma ibrida

Le tecnologie F1 nella produzione stradale: a medio termine la gamma Ferrari (che ha segnato un terzo trimestre da record) sarà benzina-elettrica.