Ferrari: il debutto in Borsa a Piazza Affari

Dopo il debutto a New York, la Casa di Maranello viene quotata anche alla Borsa di Milano dove il titolo viene proposto a 43 euro.

Ferrari 488 Spider: prime immagini ufficiali

Altre foto »

La Ferrari è sbarcata alla Borsa di Piazza Affari, a Milano, dopo il debutto dello scorso anno a Wall Street. Le azioni della Casa di Maranello sono state distribuite a 43 euro, mentre a New York aveva chiuso a 48 dollari (circa 44 euro al cambio attuale), con una capitalizzazione di mercato di circa 8,32 miliardi di euro. Il titolo è stato sospeso dalle contrattazioni, dopo essere sceso sotto quota 42 euro. L'evento ha visto la partecipazione del presidente Ferrari, Sergio Marchionne, accompagnato dal  presidente di FCA (Fiat-Chrysler), John Elkann, dal Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e dal vicesindaco di Milano, Francesca Balzani. Dopo

"Con la quotazione si è aperto un nuovo capitolo - ha commentato Marchionne al momento del debutto della Ferrari alla Borsa di Milano, aggiungendo che -  È un nuovo traguardo, una nuova partenza. Competere sul listino di Milano per la Ferrari è come tornare alle origini". Anche il Capo del Governo si è mostrato particolarmente entusiasta, sottolineando l'importanza di questa operazione finanziaria e augurando che sia di buon auspicio all'intera economia italiana:" Il 2016 vorrei che fosse l'anno in cui smettiamo di recuperare i ritardi e cominciamo a correre più forte degli altri. In bocca al lupo, la quotazione è un bellissimo messaggio per l'intero Paese e una straordinaria occasione per gli investitori".

Renzi non ha esitato ad esaltare le capacità delle aziende italiane e la loro grande competitività: "Finalmente l'Italia c'è, il nostro più grande alleato è la globalizzazione e se ci mettiamo in pista siamo i primi del mondo - il Presidente del Consiglio ha inoltre ricordato che - un grande Paese può attraversare momenti che non vanno ma si può ripartire".

Il debutto a Piazza Affari della Ferrari sancisce anche la prima quotazione del Gruppo FCA senza l'azienda del Cavallino Rampante. Nell'ultimo giorno in cui chi comprava azioni Fiat-Chrysler aveva diritto anche a quelle Ferrari - con un rapporto di 10 azioni FCA per una Ferrari - il titolo dell'azienda italo-americana è calato dell'1,37%, chiudendo a 12,92 euro, mentre a Wall Street, la Casa del Cavallino Rampante è scesa dello 0,85%,chiudendo a 48 dollari le operazioni di contrattazione dell'anno appena concluso. Presto il Ministero dei Trasporti pubblicherà i dati relativi alle vendite di dicembre e dell'intero 2015, sottolineando l'andamento più che positivo di FCA, capace di fare meglio della media del mercato.

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 04 gennaio 2016

Altro su Ferrari

Ferrari 488 GTB by Liberty Walk
Tuning

Ferrari 488 GTB by Liberty Walk

Dal Giappone arriva un’interessante interpretazione della Ferrari 488 GTB firmata dal tuner Liberty Walk.

Ferrari J50: 10 esemplari solo per il Giappone
Anteprime

Ferrari J50: 10 esemplari solo per il Giappone

Una fuoriserie per celebrare i 50 anni del Cavallino Rampante nel paese del Sol Levante.

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli
Motorsport

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli

Presentata a Daytona la nuova Ferrari 488 Challenge da 670 CV: sarà impiegata nell'edizione numero 25 del monomarca di Maranello.