La Fia promuove l’autodromo di Pergusa

Concessa la licenza per ospitare gare internazionali nel 2010. Via libera ai lavori di adeguamento dell’impianto

La Fia promuove l’autodromo di Pergusa

di Lorenzo Stracquadanio

12 ottobre 2009

Concessa la licenza per ospitare gare internazionali nel 2010. Via libera ai lavori di adeguamento dell’impianto

.

La FIA spinge l’acceleratore sul circuito di Pergusa. La Federazione internazionale automobilistica vuole inserire l’autodromo siciliano in provincia di Enna, l’unico impianto internazionale del Meridione d’Italia, nel calendario di gara per il prossimo anno.

Alla struttura è stata infatti rilasciata la licenza di grado 2 che consente lo svolgimento di tutte le gare internazionali, ad eccezione di quelle del campionato di Formula Uno. Una decisione cui è seguito il via libera ai lavori di adeguamento del circuito alle norme di sicurezza, attraverso una serie di modifiche del tracciato da effettuare entro il 30 luglio 2010.

Il nodo principale da sciogliere però resta da un lato il Piano di utilizzo della Riserva naturale di Pergusa, all’interno della quale si trova il circuito, che deve essere redatto dal Comune di Enna e dall’altro quello della relazione di impatto ambientale, la cui stesura spetta invece alla Provincia Regionale.

Il presidente del Consorzio Ente Autodromo Mario Sgrò ha accolto con soddisfazione la decisione della Fia affermando però che “questa è l’ultima possibilità che abbiamo per rientrare nel calendario del prossimo anno. Le modifiche al circuito non sono sostanziali eccezion fatta per la variante Schumacher che sarà eliminata. La nuova normativa europea prevede la convivenza tra autodromo e riserva naturale. Per quanto riguarda il finanziamento, considerato che non si tratta di grosse cifre, pensiamo di accedere per una parte al mutuo del Credito Sportivo”.

Voluto dall’amministrazione comunale negli anni cinquanta, il Circuito di Pergusa ha ospitato in passato gare di Formula 1, Formula 2, Formula 3000, Turismo e Granturismo. Nel 1997 venne organizzata una kermesse per celebrare il cinquantesimo anniversario della Ferrari. All’evento parteciparono Michael Schumacher, Eddie Irvine e i membri delle squadre corse della casa del Cavallino Rampante.

Dopo gli anni d’oro l’impianto è rimasto escluso dal circuito internazionale a causa di numerose lacune dal punto di vista della sicurezza che non sono mai state colmate. Lungo 4.950 metri il Circuito di Pergusa ha un rettilineo di 300 metri che consente alle vetture di toccare velocità davvero importanti.