Jaguar Land Rover, lascia l'AD Tim Watson

Esce di scena il numero uno italiano di Jaguar e Land Rover. Ancora nessun candidato pronto a sostituirlo

Tim Watson non è più l'amministratore delegato di Jaguar Land Rover Italia. Dopo otto anni il manager esce di scena, abbandonando definitivamente il gruppo automobilistico (di proprietà dell'indiana Tata Motors) per tornare negli Stati Uniti. Al momento i vertici della Casa non hanno reso noto chi dovrà prendere il suo posto.

Nella filiale italiana del brand del Giaguaro Watson aveva fatto il suo ingresso nel dicembre del 2008, qualche mese prima che il gruppo passasse nelle mani del colosso indiano dell'auto.

Dal 2005 al dicembre 2008 aveva ricoperto inoltre due posizioni di rilievo: quella di Vice presidente Comunicazione & Marketing di Jaguar Land Rover Nord America e quella di Responsabile per l'attuazione delle strategie di comunicazione dei brand nei mercati di Nord America, Canada e Messico.

Prima di queste esperienze Watson ha lavorato in Mazda, nel segmento delle pubbliche relazioni nonché in Ferrari, dove ha fatto parte della divisione Sales & Marketing Internazionale e della Comunicazione. Dal 2001 al 2005 ha inoltre ricoperto la carica di Global Brand Communications e Marketin Director di Aston Martin, marchio inglese di auto di lusso oggi di proprietà di un fondo sovrano del Kuwait.

Se vuoi aggiornamenti su JAGUAR LAND ROVER, LASCIA L'AD TIM WATSON inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Lorenzo Stracquadanio | 01 ottobre 2009

Vedi anche

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

La trattativa per la cessione di Opel a PSA ha attirato l'attenzione della politica e dei governi coinvolti.

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Dall’Europa all’Asia, all’America: il TomTom Traffic Index passa al setaccio il grado di congestionamento urbano. E si scopre che Palermo…

Auto e moto: cos

Auto e moto: cos'è il "foglio unico" di circolazione?

Addio carta di circolazione e certificato di proprietà: i dati potrebbero essere accorpati in un unico documento.