Certificato di proprietà: dal 5 ottobre sarà digitale

Il "tradizionale" documento cartaceo sarà sostituito da un codice e una password. Si va verso il "libretto unico".

Il certificato di proprietà diventa digitale: una novità per milioni di automobilisti, autotrasportatori e motociclisti. Da lunedì 5 ottobre il cosiddetto CdP non sarà più cartaceo, ma potrà essere visualizzato al Pc tramite un collegamento Web - accessibile anche da smartphone e tablet -, un codice e una password: la connessione permetterà di avere accesso a tutte le informazioni finora presenti su carta.

E', in estrema sintesi, il primo risultato concreto della riforma della pubblica amministrazione contenuta nella legge delega (che lo scorso agosto è diventata legge a tutti gli effetti) voluta dal ministro per la Semplificazione Marianna Madia. Successivamente, il programma di digitalizzazione dei documenti della vettura si estenderà alle pratiche connesse alla proprietà: in pratica, l'intero iter è destinato ad essere convertito in digitale. Tutti i dati della vettura, compresi gli atti relativi alle procedure di vendita e alla proprietà, saranno contenuti nel "Documento unico di circolazione", che sarà appunto disponibile esclusivamente online. Di più: come sottolinea il sottosegretario alla Pubblica Amministrazione Angelo Rughetti, da gennaio 2016 il certificato di proprietà non avrà più valore giuridico: sarà una conseguenza della cancellazione del Pubblico Registro Automobilistico, fissata per il 2016 e che sarà anticipata, entro fine anno, dal decreto attuativo di riforma della PA, nel quale rientrerà il "libretto unico", cioè il documento di circolazione che sostituirà quello rilasciato dal Pra e quello della Motorizzazione.

Il risultato dell'operazione è implicito: si intende semplificare le operazioni di proprietà dei veicoli per ottenere notevoli risparmi per gli utenti. In effetti, indicano i progetti governativi, il passo successivo al trasferimento delle competenze avverrebbe la prossima estate, con il documento unico per il veicolo che costerebbe 29 euro, anche se - indica una nota diramata nelle scorse ore dall'Ansa - il discorso va ancora approfondito. Si tratta, inoltre, di una operazione particolarmente complessa: l'accorpamento delle funzioni del Pubblico Registro al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (la attesa riforma del Pra) comporterebbe la non facile gestione relativa al trasferimento degli oltre 2.000 addetti al Pra.

Una seconda novità, che riguarda tutti gli automobilisti e autotrasportatori, è relativa al contrassegno di assicurazione. Dal 18 ottobre, non si dovrà più esporre il talloncino assicurativo sul parabrezza: il controllo della copertura assicurativa avverrà online; le forze di polizia potranno verificare se il veicolo sia assicurato mediante la targa, o dai posti di blocco oppure con l'impiego degli strumenti a distanza (tutor, autovelox, telecamere ai varchi Ztl), non appena sarà pronta l'omologazione per questa finalità, che effettueranno un confronto incrociato fra la targa e l'archivio delle polizze assicurative RC auto.

Se vuoi aggiornamenti su CERTIFICATO DI PROPRIETÀ: DAL 5 OTTOBRE SARÀ DIGITALE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 30 settembre 2015

Vedi anche

Guida autonoma: grave incidente per una Google Car

Guida autonoma: grave incidente per una Google Car

Un'auto a guida autonoma di Google è stata protagonista di un incidente a Mountain View.

Tommy 2.0, il dissuasore che protegge i parcheggi per i disabili

Tommy 2.0, il dissuasore che protegge i parcheggi per i disabili

Ideato dal giornalista Gianluca Nicoletti, questo geniale dispositivo dovrebbe presto diffondersi sulle strade del 1° Municipio di Roma.

Apple punta alla McLaren, ma la Casa di Woking smentisce

Apple punta alla McLaren, ma la Casa di Woking smentisce

L'azienda di Cupertino potrebbe acquisire la McLaren per usufruire delle sue tecnologie e puntare alla guida autonoma.