Sicurezza: vittime della strada in diminuzione in Italia

Le statistiche diffuse da ACI e ISTAT confermano la diminuzione delle vittime stradali in Italia, ma si continua a lavorare per migliorare.

Una nota positiva arriva dal rapporto ACI ISTAT sugli incidenti stradali, con i dati che mettono in evidenza la diminuzione del numero di morti e feriti sulle strade italiane, tanto che nel 2013 si è superata la soglia del 50% di riduzione delle vittime dei sinistri rispetto al 2001. 

Soddisfazione è stata espressa al riguardo dalla Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale che, attraverso il presidente Aldo Minucci, ha dichiarato: "I dati diffusi oggi confermano alcune criticità che avevamo messo in evidenza già negli anni scorsi: la pericolosità delle strade extraurbane, il drammatico coinvolgimento degli utenti vulnerabili della strada, l'elevato numero dei morti tra i neopatentati e la conferma che la distrazione al volante è la prima causa di incidente". 

Anche se la continua tendenza alla diminuzione delle vittime stradali è una cosa decisamente positiva, l'Italia rimane pur sempre il paese con il più alto numero di incidenti con decessi se si considera l'Europa a 28, per cui è necessario non abbassare la guardia e continuare nell'opera di sensibilizzazione, sottolineando l'importanza di guidare responsabilmente e facendo particolare attenzione ai neopatentati tra 20 e 24 anni, fascia in cui si raggiunge il picco di vittime della strada. 

Entro il 2020 l'obiettivo italiano e comunitario è quello di dimezzare il numero di chi perde la vita sulle strade e per questa ragione la Fondazione ANIA chiede politiche che tutelino la sicurezza dei pedoni, dei ciclisti e dei motociclisti, oltre al miglioramento tecnologico necessario su molte statali. 

Il rapporto di ACI e ISTAT afferma che nel periodo preso in considerazione 1.649 vittime della strada, cioè il 48,7% del totale, erano dei soggetti vulnerabili, ovvero rientranti in quelle categorie a più alto rischio di lesioni gravi o mortali in caso di impatto di incidenti. 

I numeri indicano infatti che l'anno scorso hanno perso la vita 724 motociclisti, 549 pedoni e 251 ciclisti, con una pericolosità accentuata soprattutto sulle strade extraurbane.  

L'indispensabile tutela per chi viaggia a bordo di una bicicletta o di un motociclo e non ha la stessa protezione offerta da un'automobile o da un mezzo pesante va comunque associata ad una corretta educazione stradale.

Troppo spesso, infatti, i comportamenti irresponsabili non sono tenuti solamente dagli automobilisti o dagli autotrasportatori, ma anche dagli stessi soggetti vulnerabili, che sfruttano la maneggevolezza del proprio mezzo di trasporto per sorpassare dove non si dovrebbe, salire sui marciapiedi, fare lo "slalom" tra i veicoli nel traffico e ignorare del tutto i segnali di precedenza.  

Una maggiore consapevolezza e rispetto reciproco tra tutti i fruitori della circolazione stradale è quindi requisito insostituibile per la crescita della sicurezza e per centrare l'obiettivo di azzerare le vittime di incidenti, siano esse a piedi o a bordo di veicoli a due o a quattro ruote.

Se vuoi aggiornamenti su SICUREZZA: VITTIME DELLA STRADA IN DIMINUZIONE IN ITALIA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 05 novembre 2014

Vedi anche

Guida autonoma: grave incidente per una Google Car

Guida autonoma: grave incidente per una Google Car

Un'auto a guida autonoma di Google è stata protagonista di un incidente a Mountain View.

Tommy 2.0, il dissuasore che protegge i parcheggi per i disabili

Tommy 2.0, il dissuasore che protegge i parcheggi per i disabili

Ideato dal giornalista Gianluca Nicoletti, questo geniale dispositivo dovrebbe presto diffondersi sulle strade del 1° Municipio di Roma.

Apple punta alla McLaren, ma la Casa di Woking smentisce

Apple punta alla McLaren, ma la Casa di Woking smentisce

L'azienda di Cupertino potrebbe acquisire la McLaren per usufruire delle sue tecnologie e puntare alla guida autonoma.