Patente e libretto con stesso intestatario: tutte le informazioni

Dal 3 novembre si dovrà registrare nel libretto il nome di chi guida l'auto, ma la norma non riguarda gli automobilisti privati.

Nei giorni scorsi ha creato un po' di confusione la notizia che da lunedì 3 novembre sarà obbligatorio registrare presso la Motorizzazione e annotare sul libretto del veicolo l'identità di chi si mette alla guida del mezzo non essendone intestatario ma avendone la disponibilità per un periodo superiore a 30 giorni. I proprietari dovranno inoltre registrare tutte le variazioni in cui vi potrà essere un cambio di nome, ovvero di generalità per le persone fisiche e di denominazione per quelle giuridiche.  

Le novità burocratiche riguardano unicamente le flotte aziendali e le auto a noleggio a lungo  termine, ma in un primo momento  si era sparsa la voce che ad essere interessati fossero anche gli automobilisti privati. 

Le incertezze hanno gettato letteralmente nella confusione una parte degli addetti ai lavori e centinaia di cittadini, anche perché le pene per i trasgressori sono abbastanza dure e comprendono multe fino a 705 euro oltre al ritiro della carta di circolazione

Le norme, che erano state previste nell'ultima riforma del Codice della strada approvata nel  dicembre del 2012, sono state pensate sia per identificare meglio e con maggiore sicurezza i responsabili di eventuali incidenti che vedono la presenza di veicoli aziendali, sia per limitare le truffe

Come spesso accade in Italia, una serie di reticenze da parte degli interessati ha portato però a un ritardo dell'applicazione delle nuove direttive e solo lo scorso 10 luglio si è arrivati a un compromesso che consentito alla Motorizzazione di emanare una maxi-circolare dalla quale si evince che gli obblighi scatteranno solo per gli atti posti in essere dal 3 novembre e non riguardano, quindi, chi per quella data avrà in uso un veicolo o non avrà provveduto a registrare le eventuali variazioni di denominazione. 

Tra gli esclusi dal provvedimento non ci sono inoltre soltanto i cittadini privati, ma anche chi svolge attività di autotrasporto soggetta a titolo autorizzativo, come ad esempio gli iscritti all'Albo autotrasportatori, chi ha la licenza per conto proprio e per quanti sono in possesso di autorizzazione per servizio taxi, autobus e noleggio con conducente.

Se vuoi aggiornamenti su PATENTE E LIBRETTO CON STESSO INTESTATARIO: TUTTE LE INFORMAZIONI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 27 ottobre 2014

Vedi anche

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

PSA-Opel: le posizioni dei governi francese e tedesco

La trattativa per la cessione di Opel a PSA ha attirato l'attenzione della politica e dei governi coinvolti.

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Ecco le città più trafficate al mondo nel 2016

Dall’Europa all’Asia, all’America: il TomTom Traffic Index passa al setaccio il grado di congestionamento urbano. E si scopre che Palermo…

Auto e moto: cos

Auto e moto: cos'è il "foglio unico" di circolazione?

Addio carta di circolazione e certificato di proprietà: i dati potrebbero essere accorpati in un unico documento.