Volkswagen: maxi richiamo per un milione di automobili

A causa di un problema all’asse posteriore sono stati richiamati circa un milione di veicoli marchiati Volkswagen, distribuiti in USA e Cina.

I difetti di fabbrica che obbligano le Case automobilistiche internazionali a relativi richiami di automobili sono all'ordine del giorno e spesso riguardano anche i marchi più blasonati e considerati più affidabili. Questa volta, la protagonista di una vicenda del genere è stata la Casa tedesca Volkswagen, costretta ad effettuare un maxi richiamo che ha coinvolto più di un milione di vetture, distribuite negli Stati Uniti e in Cina.

Il problema che ha obbligato il Costruttore teutonico al suddetto richiamo è stato riscontrato in un componente dell'asse posteriore di alcuni modelli, che secondo un portavoce della casa automobilistica tedesca non costituisce comunque un problema per la sicurezza.

A causa di  questo  problema sono state richiamate  oltre 563.000 auto del modello Sagitar, che si aggiungono ai 18.000 Maggiolino già importati, mentre negli USA, la casa tedesca è stata obbligata ad un controllo di oltre 400.000 Jetta e 41.000 Maggiolino. L'intervento previsto risulterà a totale carico della casa di Wolfsburg che dovrebbe fornire alla clientela anche una vettura sostitutiva per tutta la durata dell'intervento.

Se vuoi aggiornamenti su VOLKSWAGEN inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 20 ottobre 2014

Altro su Volkswagen

Volkswagen: altri 4,3 miliardi di dollari per il dieselgate
Attualità

Volkswagen: altri 4,3 miliardi di dollari per il dieselgate

Dopo i 15 miliardi di giugno altri 4,3 miliardi per uscire dallo scandalo

Volkswagen Tiguan Allspace: debutta al Salone di Detroit
Anteprime

Volkswagen Tiguan Allspace: debutta al Salone di Detroit

Al NAIAS l'inedita versione a passo lungo e tre file di sedili che prepara il debutto negli Usa della Tiguan recentemente rinnovata in Europa.

Volkswagen ID Buzz Concept al Salone di Detroit 2017
Concept

Volkswagen ID Buzz Concept al Salone di Detroit 2017

L’erede spirituale del mitico Bulli vanta una sofisticata meccanica elettrica e risulta dotato dell’ormai immancabile guida autonoma.